“Camerata Sergio Ramelli, presente”. Il grido, accompagnato dal saluto romano, si è ripetuto per tre volte. Circa 1500 persone legate ai movimenti dell’estrema destra si sono radunate in via Paladini, a Milano, per commemorare l’attivista di Fronte della Gioventù. Lì Ramelli, nel marzo del 1975, mentre stava tornando a casa, venne aggredito da alcuni militanti legati ad Avanguardia Operaia. Morì 48 giorni dopo, il 29 aprile. Al corteo hanno sfilato gli esponenti di Casapound, Forza Nuova e Lealtà e Azione, ma anche le delegazioni di Skinhead e quelle di Dodici Raggi. È rimasto deserto invece il Campo X, al cimitero Maggiore di Milano. Dopo i saluti fascisti dell’anno scorso, la Prefettura infatti ha deciso di chiudere parte degli ingressi e di far presidiare i varchi dalle forze dell’ordine

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Incidente Pioltello, l’indagine ministeriale per il momento è ‘segreta’: non ammessi ferrovieri responsabili per la sicurezza

next
Articolo Successivo

Milano, statua di Montanelli sfregiata dalle femministe: “Stupratore di bambine”

next