Continua lo sciopero della fame degli insegnanti del comitato diplomati magistrali abilitati. Una protesta contro la sentenza del consiglio di stato del 20 dicembre scorso che porterà all’uscita dalle graduatorie e di conseguenza al licenziamento, di circa 6mila maestre e maestri già assunti nei ruoli e di 45mila supplenti a cui il prossimo 30 giugno scadrà il contratto. La protesta durerà fino al 3 maggio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, asilo abolisce festa mamma e papà dopo richiesta di una coppia gay. “E’ discriminazione al contrario”

prev
Articolo Successivo

Vaccini, scatta l’ora X delle espulsioni dagli asili. Oggi le ultime scuole di 12 regioni trasmettono i documenti alle Asl

next