Lewis Hamilton vince il Gp di Baku al termine di una gara segnata dagli incidenti. Per l’inglese della Mercedes si tratta del primo successo stagionale, il 63esimo in carriera, che gli permette anche di passare in testa al mondiale con 70 punti, quattro in più di Sebastian Vettel.

Secondo Kimi Raikkonen dopo una rimonta dalla 14esima posizione, dove era precipitato dopo essere stato coinvolto in uno scontro con Esteban Ocon al primo giro. Terzo il messicano Sergio Perez su Force India. Ai piedi del podio Vettel, penalizzato dalla seconda safety car. Valtteri Bottas, primo fino a tre giri dal termine, è costretto a ritirarsi per lo scoppio di una gomma dopo l’impatto con un detrito. “È stata una gara davvero emozionante, oggi Bottas meritava la vittoria e anche Vettel è stato bravissimo – ha commentato Hamiilton a fine gara – Sono stato molto fortunato: ci ho messo il cuore, non ho mai mollato e mi prendo questa vittoria”

L’ordine è stato sconvolto dal rientro in pista, per la seconda volta, della safety car dopo un incidente che ha coinvolto RicciardoVerstappen a 11 giri dal termine. All’uscita di scena della safety, Vettel – in quel momento secondo – viene subito superato da Hamilton e Raikkonen, scivolando in quarta posizione nel tentativo di sorpassare che lo porta a un lungo. L’inconveniente a Bottas, che pareva imprendibile, premia il campione del mondo che si ritrova in testa e stacca di 2″46 il finlandese della Ferrari.

Quinto posto per Carlos Sainz Jr su Renault, sesto l’ottimo Charles Leclerc sulla Sauber Alfa Romeo. Fernando Alonso su McLaren chiude al 7ç posto, ottavo Lance Stroll su Williams. La top ten è completata da Stoffel Vandoorne sull’altra McLaren e Brendon Hartley sulla Toro Rosso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Formula 1, qualifiche del Gp di Baku: la Ferrari di Sebastian Vettel partirà in pole. Hamilton secondo, poi Bottas

next
Articolo Successivo

Minardi day, tira più la Formula 1 del passato che quella del presente

next