Da piazza Garibaldi si vede la Fortezza Nuova, con disegnata addosso quella scritta “Msi fuorilegge” che, almeno fino a qualche tempo fa, da sola riusciva a dare l’idea di una città e di un popolo. Oggi quello intorno a piazza Garibaldi è uno dei quartieri di Livorno più complicati, soprattutto dopo gli ultimi 15-20 anni di immigrazione. Anche nella città delle Leggi Livornine, che alla fine del Cinquecento aprirono la città ai popoli “di qualsivoglia nazione”, l’integrazione trova qualche difficoltà.

Uovo alla Pop – collettivo nato all’interno del progetto Sicurezza in Garibaldi, finanziato dalla Regione Toscana e abbracciato dal Comune – prova a far ripartire il rione, abbattendo i muri dell’indifferenza e, anzi, colorandoli di creatività.

Una designer, un architetto, una pittrice e una poetessa – Giulia Bernini, Valeria Aretusi, Libera Capezzone e Viola Barbara, le Uovas – usano l’arte e la cultura come volano per far ripartire il quartiere, organizzando eventi con artisti internazionali, come Clet che ha sparso i suoi cartelli per le vie del quartiere, dipingendo le saracinesche dei negozi chiusi e raccogliendo tutto il fermento creativo sotto il logo dell’uovo, simbolo stesso di rigenerazione e livornesità. Adesso il progetto è cresciuto e si appresta a coinvolgere la città intera e ad andare ancora oltre. E’ per questo che il collettivo ha dato il via a un crowdfounding (www.eppela.com/uovoallapop) per raccogliere 15mila euro da destinare all’organizzazione di un festival di street art. “Abbiamo chiuso il nostro primo spazio in piazza Garibaldi con la promessa di continuare a lavorare qui fino a renderlo il quartiere dell’arte. Il nostro più che un crowdfounding è un grow funding, spendere per crescere insieme. Trasformeremo il volto della città di Mascagni, Modigliani, Piero Ciampi e della Gallina Livornese dalle uova bianche” spiegano le Uovas.

Il nuovo spazio di Uovo alla Pop in Scali della Cantine accoglie in mostra i bozzetti arrivati dagli artisti che hanno preso parte alla call per dipingere un grande murale in occasione del festival.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bullismo problema di classe, in difesa di Serra e del diritto di dire cose intelligenti

next
Articolo Successivo

La lingua degli Alieni, un cortometraggio con Pif per raccontare la disabilità

next