Hanno “stabilizzato” 776 persone senza concorso pubblico oppure predisponendo bandi “fotografia” scritti “esclusivamente per assumere dipendenti predeterminati“, tanto che in alcuni bandi “i requisiti sono stati ‘fotografati’ su quelli effettivamente posseduti dai lavoratori interessati”. È l’accusa rivolta dalla Guardia di finanza di Macerata, coordinata dalla procura di Ancona, a 53 dirigenti della Regione Marche al termine di un’indagine durata 18 mesi prospettando il reato di abuso d’ufficio.

I dipendenti, tutti precedentemente inquadrati con contratti co.co.co., lavoratori socialmente utili o a tempo determinato, sarebbero così stati assunti a tempo indeterminato contravvenendo – secondo la Finanza – anche alla norma costituzionale che prevede l’ingresso alle dipendenze della pubblica amministrazione per concorso. Al termine dell’indagine svolta con esami testimoniali e documentali su tutto il territorio regionale, stando alla ricostruzione degli investigatori, il danno ammonterebbe a oltre 121 milioni di euro. Del quadro delineato dall’indagine è stata informata anche la Procura regionale della Corte dei Conti per valutare un eventuale danno erariale nei confronti della Regione.

Dalle verifiche nell’operazione, spiega la Guardia di finanza in una nota, sarebbe emerso che tra il 2008 e il 2014 i dirigenti denunciati avrebbero “eluso la normativa di settore omettendo di predisporre i Piani triennali del fabbisogno di personale”, strumento fondamentale per preventivare la necessità di assunzioni, quasi tutte nell’ambito della sanità. L’omissione, per gli investigatori, ha determinato “una mancata verifica preventiva delle effettive esigenze” e “ha consentito la stabilizzazione indebita di 776 dipendenti già assunti a tempo determinato”.

“In molti casi – spiega la Gdf – non sono state attivate le necessarie procedure di concorso pubblico mentre in altri si è proceduto alla predisposizione di ‘bandi fotografia’“. Provvedimenti che gli investigatori ritengono “illeciti” e predisposti “esclusivamente per assumere dipendenti predeterminati“. In certi bandi, concludono i finanzieri, “i requisiti previsti sono stati ‘fotografati’ su quelli effettivamente posseduti dai lavoratori interessati”. Denunciati anche 12 dipendenti– 11 per falso ideologico e uno per truffa aggravata – perché avrebbero “attestato falsamente in atti il possesso di requisiti in realtà non posseduti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Avvocato, avremo giustizia?’. Tutte le volte che me lo chiedono cerco conforto in Randazzo

next
Articolo Successivo

Trattativa, procuratore Antimafia Cafiero De Raho: “Sentenza dà verità storica e conferma che mafia fu legittimata”

next