Andrea Nahles è stata eletta presidente dei socialdemocratici tedeschi con il 66,35% dei consensi. È la prima donna che raggiunge questo incarico nell’Spd. “La solidarietà è quello che più manca in questa società neoliberale globalizzata. Siamo onesti, questo vale anche per l’Spd”. Queste le parole pronunciate pochi minuti prima dalla neo-segretaria nel suo intervento al congresso straordinario dei socialdemocratici come candidata alla presidenza. “La solidarietà è un principio irrinunciabile per i socialdemocratici”, ha affermato, facendo un’analisi delle ragioni del crollo dell’Spd alle elezioni di settembre, quando il partito ha preso il 20,5% dei voti.

Per la Spd si tratta di un appuntamento di portata storica: per la prima volta in 155 anni, la presidenza va a una donna. L’ex ministra del Lavoro Andrea Nahles, 47 anni, anima di sinistra del partito era giù favorita. Ma se avesse perso, al suo posto sarebbe andata la sindaca di Flensburg, Simone Lange, 41 anni.

Il predecessore, Martin Schulz, ritiratosi subito dopo le trattative per la nuova Grosse Koalition,  con la volontà – amaramente tramontata – di diventare ministro degli Esteri era stato eletto con il 100% dei consensi, nel pieno dell’ondata di entusiasmo per l’ingresso nella scena politica tedesca. Un esito evidentemente irripetibile. Dal suo passo indietro, i socialdemocratici sono stati guidati in forma commissariale da Olaf Scholz, oggi vicecancelliere e ministro delle Finanze del nuovo esecutivo.

Entrata nel Partito socialdemocratico quando aveva 18 anni, già capo dell’ala giovanile dell’Spd (Jusos), separata, madre di una ragazza, al giornale della scuola disse che il suo obiettivo nella vita era di fare “la casalinga o la cancelliera”. Ministro del Lavoro nel precedente governo di grande coalizione con la Cdu/Csu, dopo il voto del settembre scorso era stata nominata capogruppo al Bundestag, in un primo tentativo di serrare le fila del partito dopo la sconfitta.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alexander Shchukin, chi è il ‘padrino della Siberia’ che sta facendo affari in Gran Bretagna

next
Articolo Successivo

Sahel, perfino la libertà di espressione è in vendita. Non resta che piantare un albero del pane

next