Di tempo non ce n’è più, è arrivato il momento di rompere tutto. Silvio Berlusconi fa quello che voleva fare da giorni, quello che aveva fatto capire con i gesti di Marcel Marceau. Non ce la fa più a seguire la strada indicata da Matteo Salvini. Ha sopportato di incoronarlo, a fatica, leader del centrodestra. Ma dopo i tentativi di trattativa, approfitta delle conclusioni di Luigi Di Maio (un contratto di governo solo con la Lega) per trasformarle in un casus belli. E nell’esatto momento in cui Salvini chiama la Casellati mentre lei sale i gradini del Quirinale per andare a riferire gli esiti del mandato esplorativo per dire che ancora sta parlando con Di Maio per capire cosa fare, lui – il leader di Forza Italia – sale su un palco a Larino, in provincia di Campobasso, nel Molise diventato capitale della politica nazionale, e spacca tutto: il confronto logorante con il M5s, la possibilità di un governo “politico”, l’alleanza con il resto del centrodestra. Se ieri, all’uscita dal confronto con la Casellati, a Palazzo Giustiniani, era rimasto composto, in silenzio, quasi “guardato a vista” da Giorgia Meloni, oggi si scatena, taglia tutti i ponti diplomatici, trasforma Salvini in Penelope, nel senso di quella della tela: “Nessun accordo è possibile con i Cinquestelle, un partito che non conosce l’abc della democrazia, che prova invidia sociale, formato solo da disoccupati, e che rappresenta un pericolo per l’Italia“. Dopo aver chiesto “uguale dignità” a Di Maio che si rifiuta di avere Forza Italia al governo, ora dice che “Gli italiani hanno votato molto male. Seguo tutto con disgusto, va tutto di male in peggio”. I Cinquestelle, lo stesso Di Maio, aveva dovuto richiamare a sé tutte le energie diplomatiche, lasciando da parte per una volta le questioni della “impresentabilità” dell’ex presidente del Consiglio “male assoluto” e nascondendo il disagio di incontrare i berlusconiani dietro al fatto che un “tavolo a 4” avrebbe troppo ricordato la Prima Repubblica. E lui, invece, ora se ne frega una volta per tutte:  “Nella formazione del governo ho cercato di dare seguito a cosa voleva la Lega in modo che qualche persona competente fosse dentro una squadra di inefficienti. Ma ho verificato quanto il Movimento 5 Stelle sia un partito non democratico, un pericolo per l’Italia” ribadisce.

Finalmente le quinte diventano ribalta, una volta di più. La cronaca conferma tutti i retroscena dei giornali che parlavano dell’insofferenza di Berlusconi verso la linea scelta dalla guida della coalizione. Ed eccola, l’insofferenza. Esplode. Un governo istituzionale, del presidente, di scopo, di responsabilità? “Non so di cosa si parli. Io credo che la soluzione sia un governo di centrodestra che trovi in Parlamento persone responsabili che diano loro i voti necessari. Tutte le altre soluzioni sono dannose per l’Italia”. Fico? Figurarsi: “Già il fatto di dare un incarico a uno così la dice lunga… Tutti i 5 Stelle sono incapaci di fare qualcosa di buono per l’Italia”. Nella sua furia distruttrice trova il modo di insultare i disoccupati più che i Cinquestelle: “Ma che stanno a fare questi qui che non hanno mai fatto niente della vita… Ma dai… Prendiamo consapevolezza di chi sono e con chi abbiamo a che fare. Uno: Cinque stelle è il partito dei disoccupati. Due: è il partito di chi vuole raggiungere il potere per togliere a chi ha e prendere per sé. Io davvero mi trovo di fronte a questo destino: a 12 anni sono dovuto scendere in piazza ad attaccare i manifesti perchè ero contro i comunisti, nel ’94 scesi in campo per tutelare l’Italia dagli ex comunisti e oggi, alla mia età, devo tornare in campo per difendere il mio paese da M5s. Mi sono abbastanza rotto!”. La deriva non si ferma: “E’ gente che non ha mai fatto nulla nella vita: nella mia azienda li prenderei per pulire i cessi”.

Fino a invertire a U la rotta: “Io penso a un governo di centrodestra che guardi al gruppo misto e ad alcuni esponenti del Pd – risponde fuori dai denti – Su questo punto la penso molto diversamente da Giorgia Meloni e Matteo Salvini“. Aveva rifiutato che Di Maio scegliesse con chi parlare, ma ora è lui che dà le patenti di agibilità. Solo lui può farlo: “Il Partito democratico dal punto di vista della responsabilità e della democrazia è anni luce davanti ai Cinquestelle”. Questa volta, però, quando si volta si sente un po’ più solo. Almeno a parole, il Pd lo lascia a fare il Nazareno da solo: “Berlusconi sogna se pensa di potersi prendere alcuni esponenti del Pd – risponde Ettore Rosato – E sogna ancora di più se pensa che possa esserci il Pd a sostegno di un governo con Salvini e la Meloni. Non faremo la ruota di scorta di nessuno”. “La linea ‘tocca a loro’ era quella giusta” aggiunge Rosato riprendendo le parole usate meno di 24 ore fa da Matteo Renzi. Invece Andrea Marcucci, il capogruppo ultrarenziano del Senato, sempre iperattivo su twitter e sulle agenzie, non risponde a Berlusconi, ma a Salvini: “Stia tranquillo, il Pd non pensa minimamente a sostenere un governo con la Lega”.