Un giovane orso bruno è morto durante l’operazione di cattura nel Parco nazionale d’Abruzzo. Ad ucciderlo è stata l’iniezione di anestetico usata per la cattura. Un’operazione di routine, effettuata eseguendo il protocollo “ampiamente collaudato”, dicono dalla direzione. Eppure fin dai primi momenti l’animale, un esemplare di Marsicano, “ha manifestato problemi respiratori“. La squadra ha effettuato le “procedure per anestetizzarlo e metterlo in sicurezza”, ha spiegato il Parco. Ma l’orso si è subito sentito male.

La morte è avvenuta in un sito di cattura nel Comune di Lecce nei Marsi, nell’Aquilano, allestito da febbraio scorso con un apposito sistema messo a disposizione dai carabinieri Forestali e controllato con videosorveglianza. La squadra di cattura, allertata dal segnale di allarme collegato al sistema, ha verificato la presenza del giovane esemplare e ha iniziato le operazioni. Nonostante le manovre di rianimazione, l’animale è morto in poco tempo. La carcassa sarà, trasferita all’Istituto zooprofilattico per l’accertamento delle cause della morte.

“È la prima volta che ci troviamo di fronte a un’emergenza anestesiologica in occasione di una cattura”, ha dichiarato Antonio Carrara, presidente del Parco nazionale. “Per quanto il protocollo utilizzato riduca al minimo i rischi per l’orso – ha aggiunto – non si possono in ogni caso escludere totalmente”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, lancia il cane dal 7° piano e aggredisce gli agenti che confortano il figlio in lacrime: “Basta pagliacciate”

prev
Articolo Successivo

Napoli, studenti e cittadini tra i vicoli per protestare contro la violenza dei clan di camorra

next