Lo si era detto più volte, negli ultimi tempi che la produzione del modello più “popolare” di casa Tesla era in una fase critica. Ritardi, volumi insufficienti e quant’altro. Così Elon Musk ha deciso di prendere il toro per le corna e fermare momentaneamente le linee di montaggio della fabbrica californiana di Fremont per una settimana, eventualità già prevista da una precedente pianificazione. In una nota, Tesla ha fatto sapere che l’arresto forzato degli impianti servirà “per migliorare l’automazione (l’accusa era quella che i troppi robot presenti rallentassero l’assemblaggio) e per cercare di risolvere i colli di bottiglia per aumentare i tassi di produzione”. Condizione necessaria per soddisfare il circa mezzo milione di ordini che sarebbero arrivati per la Model 3.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mini Living, quando l’auto british sposa il Salone del Mobile – FOTO

next
Articolo Successivo

Lexus ES, la prima immagine della nuova berlina di lusso made in Japan

next