Dopo il risultato delle elezioni politiche del 4 marzo, è il nome che viene avanzato quando si pensa a un governo di scopo o a un governo del presidente. Carlo Cottarelli, ex commissario alla spending review, ora direttore dell’Osservatorio sui conti pubblici dell’Università Cattolica, non si tira indietro: “Fare il ministro sarebbe un onore“. Cottarelli ha presentato il suo ultimo libro, “I sette peccati capitali dell’economia italiana”, al Clubhouse Brera di Milano in un ciclo di incontri organizzati da Moneyfarm e Linkiesta. E ha rivelato le priorità che, secondo lui, dovrebbe affrontare il prossimo governo. “Purché si faccia presto, perché il nostro Paese non resisterà a una nuova recessione” ha detto

di Alberto Marzocchi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, Di Maio: “Salvini? Non aspetto suoi comodi. Tra qualche giorno chiudo il forno della Lega”

next
Articolo Successivo

Governo, Serracchiani: “Dopo il raid in Siria M5s e Lega più lontani. Pd pronto a dialogare”

next