Botta e risposta a Omnibus (La7) tra la sua conduttrice, Gaia Tortora, e il giornalista de Il Fatto Quotidiano, Fabrizio d’Esposito. Tortora manifesta la sua disapprovazione sul termine ‘delinquente’ attribuito a Berlusconi e ribadito nel titolo del pezzo odierno del giornalista sul Fatto. D’Esposito puntualizza che non è una invenzione del quotidiano, ma si tratta di una definizione coniata dalla magistratura (Berlusconi nella sentenza Mediaset è stato descritto come una persona che “ha una naturale capacità a delinquere”). La conduttrice, dieci minuti dopo, mentre d’Esposito spiega il coup de théâtre inscenato ieri da Berlusconi, ribadisce il suo dissenso sulla parola ‘delinquente’: “Posso dire che è un brutto termine? E’ una cosa che mi fa proprio orrore. E’ una questione personale, proprio non mi piace, ma voi avete diritto di scriverlo”. “Lo comprendo” – risponde d’Esposito – “però la magistratura ha detto che Berlusconi è un delinquente abituale”. “Vabbè” – commenta Tortora – “però, insomma, non è sufficiente. Ma è una questione di opinione personale”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Consultazioni, Travaglio: “Nuovo governo? Lo vedo più lontano. Berlusconi tiene Salvini al guinzaglio”

prev
Articolo Successivo

Non è l’arena, la diretta da Palermo è infuocata. La ragazza si infuria con Giletti: “Non le permetto di offenderci”

next