La pena capitale continua ad essere ancora applicata nel mondo. Nel rapporto annuale 2017 (leggi il rapportoAmnesty International ha registrato almeno 993 esecuzioni in 23 paesi: il quattro per cento in meno rispetto al 2016 e il 39 per cento in meno rispetto al 2015. La maggior parte delle esecuzioni sono avvenute, nell’ordine, in Cina, Iran, Arabia Saudita, Iraq e Pakistan. La Cina è rimasta nel 2017 lo stato dove si esegue la maggior parte delle condanne a morte, ma la reale dimensione dell’uso della pena capitale è sconosciuta poiché i dati relativi sono considerati segreto di stato

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bebe Vio su Topolino contro le barriere: “Le mie protesi? Ai bimbi non fanno paura. Mi chiamano Barbie o Robocop”

next
Articolo Successivo

Como, imprenditore condannato per molestie verbali. Alla dipendente 105mila euro di risarcimento

next