La pena capitale continua ad essere ancora applicata nel mondo. Nel rapporto annuale 2017 (leggi il rapportoAmnesty International ha registrato almeno 993 esecuzioni in 23 paesi: il quattro per cento in meno rispetto al 2016 e il 39 per cento in meno rispetto al 2015. La maggior parte delle esecuzioni sono avvenute, nell’ordine, in Cina, Iran, Arabia Saudita, Iraq e Pakistan. La Cina è rimasta nel 2017 lo stato dove si esegue la maggior parte delle condanne a morte, ma la reale dimensione dell’uso della pena capitale è sconosciuta poiché i dati relativi sono considerati segreto di stato

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bebe Vio su Topolino contro le barriere: “Le mie protesi? Ai bimbi non fanno paura. Mi chiamano Barbie o Robocop”

next
Articolo Successivo

Como, imprenditore condannato per molestie verbali. Alla dipendente 105mila euro di risarcimento

next