“Il mondo politico, ma anche quello dell’economia, non ha mai fatto attività di pulizia autonoma all’interno dei partiti. Ha sempre detto di aspettare le sentenze. Ed è ovvio che tutto viene scaricato sui giudici”. Sono le parole del presidente della II sezione penale della corte di Cassazione, Piercamillo Davigo, ospite di Dimartedì, su La7. “Una cosa può anche non essere reato, ma essere ugualmente riprovevole” – continua – “In Germania il presidente della Repubblica Federale si è dovuto dimettere perché aveva chiesto un prestito a un amico a un tasso lievemente inferiore a quello bancario. Un ministro tedesco ha rassegnato le dimissioni perché aveva copiato un pezzo di tesi di dottorato. Da noi non succede niente di questo genere”. E aggiunge: “Io sono rimasto impressionato in un dibattito con Giuliano Ferrara, il quale, al moderatore che gli chiedeva se per fare politica bisognasse avere capacità di ricatto, rispose con una cosa terribile: “No, per fare politica bisogna essere ricattabili, perché così si è disposti a fare fronte comune”. E’ una cosa che a me fa venire i brividi. Essere onesti dovrebbe essere una precondizione per servire il Paese. Se uno è un ladro, preferisco che stia a casa sua piuttosto che governarmi”. Davigo puntualizza: “Ho sempre pensato che la questione non stia tanto nelle persone quanto nelle regole. In Italia le regole aiutano a comportarsi male, a partire dal fatto che i partiti politici sono associazioni non riconosciute e al loro interno avviene qualunque cosa. Per anni” – chiosa – “ho raccolto dichiarazioni di politici rei confessi, i quali spiegavano che coi soldi delle tangenti compravano le tessere del partito, a nome di persone che non sapevano di essere iscritte. Cioè la carriera politica si faceva rubando”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cyberspionaggio, pm chiede 9 e 7 anni per i fratelli Occhionero: “Spiavano istituzioni, partiti, industrie”

prev
Articolo Successivo

Sanità lombarda, un’ottima opportunità per chi vuole lucrare sulla nostra salute

next