Investigatori anche del passato. Più dell’archeologia poté una tecnologia avanzata di analisi del Dna. A risolvere il mistero lungo oltre un secolo dell’identità di una mummia egizia vecchia 4.000 anni è stata infatti l’Fbi, grazie a una sofisticata apparecchiatura di analisi genetica. Dal 1915 gli studiosi si interrogavano sulla testa mozzata scoperta nell’angolo di una tomba saccheggiata a Deit el-Bersha, un’antica necropoli egizia. Gli archeologi hanno scoperto che la tomba era appartenuta a un governatore chiamato Djehutynakht e a sua moglie, ma non sono stati in grado di capire se la testa fosse di un maschio o di una femmina. C’è voluta una scienziata forense dell’Fbi e una tecnologia avveniristica per il sequenziamento del Dna, per stabilire con certezza che la testa apparteneva al governatore stesso.

Odile Loreille, biologa dell’Fbi, ha trapanato un dente estratto dal cranio e raccolto la polvere della polpa, sciogliendola poi in una soluzione chimica. Quindi il campione è stato sottoposto a mappatura del Dna. Controllando il rapporto tra cromosomi sessuali, la ricercatrice è stata in grado di dedurre che la testa apparteneva a un uomo. Lo studio dell’Fbi è pubblicato su Genes. “Non pensavo che avrebbe funzionato, pensavo che” il reperto “fosse troppo degradato, o che non ci fosse abbastanza materiale”, ha spiegato Loreille alla Cnn. “Sono rimasto felicemente sorpresa – ha aggiunto – Siamo stati fortunati”. L’età della testa, insieme al fatto che sia stata trovata in un ambiente desertico, ha reso particolarmente difficile estrarre il Dna. Il reperto, inoltre, era stato danneggiato dai saccheggiatori che depredarono la tomba e distrussero il corpo nell’antichità, tanto che numerosi tentativi di identificazione del soggetto non hanno avuto successo.

L’articolo su Genes

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Così la Cina farà piovere sull’arido altopiano tibetano: tecnologia militare convertita intercetterà i monsoni

next