Le sentenze per la “parentopoli Ama” diventano definitive. La corte di Cassazione ha infatti confermato la condanna a due anni di carcere per Franco Panzironi, l’ex amministratore delegatato della municipalizzata dei rifiuti del comune di Roma. La vicenda è quella delle assunzioni clientelari ordinate all’interno della società tra il 2008 e il 2010.

La Suprema Corte ha confermato anche la condanna a nove mesi per Luciano Cedrone, ex direttore del personale di Ama e quella a un anno e nove mesi per Bruno Friggerio, consulente esterno della società. Con questo verdetto la Sesta sezione penale ha reso definitiva la sentenza emessa dalla Corte d’appello di Roma il 9 febbraio 2017 che, per la prescrizione, aveva praticamente più che dimezzato le condanne del primo grado pronunciate dal tribunale il 27 maggio 2015. I giudici capitolini, infatti, avevano condannato Panzironi a cinque anni, Cedrone a tre anni e un mese e Friggerio a tre anni.

Per i dipendenti assunti nello scandalo Parentopoli, l’Atac sta valutando la possibilità del licenziamento. A confermarlo è l’allarme lanciato nelle scorse settimane dai sindacati Fit Cisl, Filt Cgil e Sul. Il numero delle persone coinvolte in questa operazione potrebbe variare dalle 30 fino addirittura alle 150 unità, a seconda delle valutazioni legali che saranno fatte sulla base delle recenti sentenze di primo grado.

Panzironi è indagato anche nell’inchiesta su Mafia capitale: per tutti gli imputati i giudici hanno escluso l’accusa di associazione a delinquere di stampo mafioso ma hanno condannato l’ex ad di Ama a dieci anni di carcere. Per Panzironi l’accusa aveva chiesto una pena pari a 21 anni di carcere. Il processo d’appello è in corso.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Marcello Dell’Utri, la Corte europea dei diritti umani dice no alla sospensione della pena

next
Articolo Successivo

Muos di Niscemi, i giudici assolvono tre imputati: “Non hanno commesso abusivismo edilizio”

next