“‘E furmiche quann’ stann’ pe’ murì caccian’ ‘e ‘scelle!” (Le formiche, in punto di morte, mettono le ali).

Così tuona a fine partita, durante gli ultimi minuti – stavolta senza traumi – del match da fondo classifica, la Signora Sciarputa seduta dietro di me che ha arricchito i 90 minuti di gioco (più recupero e intervallo) con un magnifico commento calcistico-emotivo, pieno di frasi enfatiche e antica saggezza popolare.

Fondendo Bruno Pizzul a Mario Merola, la sua vivace telecronaca ha raggiunto il climax, davanti all’offerta di un cordiale da parte di un uomo col berretto, nell’assioma definitivo che andrò presto a tatuarmi sull’avambraccio sinistro: “Ma camma fa cu’ ‘u rum? Temimm’ ‘u Sdreg!” (Suvvia, a cosa ci occorrerà mai il rum se abbiamo con noi lo Strega?).

La formica che comincia a volare quando comprende di essere spacciata è ovviamente – nell’accezione della Signora Sciarputa – metafora del Benevento che – nonostante i pochi punti in classifica e una sorte non proprio rosea davanti a sé – non si perde d’animo e anzi domina la partita, chiudendo la gara con l’Hellas Verona con un 3-0, svariati gol mangiati e improperi irripetibili indirizzati ai calciatori da parte della nostra eroina.

Tuttavia se Cheick Diabaté è diventato inevitabilmente Diabete e Guilherme si è trasformato in Guglielmo, è la nuova acconciatura di Enrico Brignola ad attirare maggiormente gli strali della Signora Sciarputa e, così, “Ma che r’è sta cresta?” (Ma cos’è questa cresta?) si alterna, nei tempi morti, a un altro interrogativo esistenziale rivolto a certi schemi arditi della squadra giallorossa: “Ma che r’è stu iouc?” (Che razza di modo di giocare è questo?).

Seppure il commento abbia toni cinici e indolenti, la Nostra tifa ardentemente senza cedere a facili entusiasmi e mettendo in campo una certa dose di scaramanzia: “Finché l’arbitro nun fischia nun dicimm nient!” (Finché l’arbitro non fischia non possiamo catare vittoria).

Trepidante e masticante – “Gino, vai accattà doie nucell!” (Gino, di grazia, vai ad acquistare un po’ di arachidi!) -, con voce acuta, dà però il meglio di sé in un assolo verso la fine del secondo tempo.

Quando, infatti, i dodici tifosi del Verona intonano un “Serie B! Serie B” rivolto ai beneventani, il Vigorito risponde a gran voce, come un sol uomo: “Serie B! Serie B!”.

Ecco allora la Signora Sciarputa inserirsi magistralmente nel dialogo tra le due tifoserie: al calar dei cori, si alza infatti un’ugola squillante e pragmatica che, con virtuosismo lirico, a tratti neomelodico, vocalizza un commovente “Tanto c’ iamm’ pur’ nuie!” (Tanto ci andiamo anche noi) degno della migliore Maria Callas e del migliore René Descartes. Se non è arte questa, cosa?

Ps: Superfluo aggiungere a chi spetti, a mani basse, la tredicesima edizione del Premio Stregone.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Juve-Real, standing ovation e applausi per il gol in rovesciata di Cristiano Ronaldo. Lui ringrazia i tifosi bianconeri

next
Articolo Successivo

Ignazio Scardina, morto a 70 anni il giornalista sportivo della Rai. Fu imputato e poi assolto nello scandalo Calciopoli

next