La tendenza degli ultimi anni, che vuole i suv al centro dell’attenzione commerciale degli automobilisti di casa nostra, non ha “risparmiato” le signore. Secondo una ricerca condotta dall’Unrae (Unione nazionale rappresentati autoveicoli esteri), nel 2017 la richiesta di sport utility da parte del gentil sesso ha pesato per il 63%, mentre nei primi tre mesi del 2018 la quota è già al 60%.

Numeri da non sottovalutare, anche perché nel 2017 le donne si sono rese protagoniste del 40% degli acquisti di auto nuove e del 37% di quelle usate. Secondo gli ultimi dati del Ministero dei Trasporti, quelle potenzialmente interessate a possedere un’auto possono essere attinte da un bacino di 17.350.000 persone, la maggior parte tra i 30 e i 45 anni: tante sono infatti quelle che possiedono una patente nel nostro Paese, pari al 44,4% delle licenze di guida attive.

Ma cosa vuole e cosa chiede l’altra metà del cielo quando approccia le quattro ruote? Come spesso accade in altri ambiti della vita, anche quando si varcano le porte di un concessionario le idee femminili sono già ben chiare. Oltre alla già citata preferenza per i suv, c’è da registrare quella per i motori a benzina (45%) in luogo dei diesel, che sembrano incontrare meno i loro gusti.

Per quanto riguarda i colori, infine, la tendenza abbastanza uniforme (anche rispetto ai maschietti) è quella di prediligere il bianco (31%), seguito da grigio e nero. Solo al quarto posto il rosso, un tempo più in auge tra le signore, seguito da azzurro e blu.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Skoda, spunta un progetto low cost per l’Asia. Che potrà coinvolgere pure Vw

next
Articolo Successivo

Volkswagen, la svolta. Finisce l’era Muller, arriva Herbert Diess

next