Due cittadini svizzeri sono morti nel pomeriggio di oggi, domenica 1° aprile, per una frana caduta sulla statale 337 della val Vigezzo, fra l’Ossola e la Svizzera. Da una prima ricostruzione, la loro auto è stata travolta dalla massa di terra e macigni e trascinata nel dirupo sottostante per decine di metri. I vigili del fuoco sono al lavoro per estrarre i corpi dalla vettura. Le unità cinofile del soccorso alpino Valdossola sono invece entrate in azione per capire se sotto la frana siano rimaste coinvolte altre automobili. L’area è stata fatta sgomberare: c’è il rischio che si verifichino ulteriori cadute di massi. Anas comunica che la strada è chiusa al traffico.

La frana si è staccata all’altezza del comune di Re, provincia del Verbano-Cusio-Ossola, e un grosso sasso è precipitato anche sulla sottostante ferrovia Vigezzina – che collega Domodossola a Locarno – che in quel momento non era attraversata da treni. La linea è stata interrotta. Le due vittime stavano entrando in Italia dalla statale della val Vigezzo, una delle sette valli che si diramano dalla val d’Ossola e che collegano il Piemonte con il Canton Ticino.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Benevento, cittadini e amministratori contro l’impianto di compostaggio “che rischia di inquinare le acque”

next
Articolo Successivo

Roma, viaggio sul Tevere tra baraccopoli, plastiche e rischi esondazione: “Un patrimonio da salvare” 

next