Due cittadini svizzeri sono morti nel pomeriggio di oggi, domenica 1° aprile, per una frana caduta sulla statale 337 della val Vigezzo, fra l’Ossola e la Svizzera. Da una prima ricostruzione, la loro auto è stata travolta dalla massa di terra e macigni e trascinata nel dirupo sottostante per decine di metri. I vigili del fuoco sono al lavoro per estrarre i corpi dalla vettura. Le unità cinofile del soccorso alpino Valdossola sono invece entrate in azione per capire se sotto la frana siano rimaste coinvolte altre automobili. L’area è stata fatta sgomberare: c’è il rischio che si verifichino ulteriori cadute di massi. Anas comunica che la strada è chiusa al traffico.

La frana si è staccata all’altezza del comune di Re, provincia del Verbano-Cusio-Ossola, e un grosso sasso è precipitato anche sulla sottostante ferrovia Vigezzina – che collega Domodossola a Locarno – che in quel momento non era attraversata da treni. La linea è stata interrotta. Le due vittime stavano entrando in Italia dalla statale della val Vigezzo, una delle sette valli che si diramano dalla val d’Ossola e che collegano il Piemonte con il Canton Ticino.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Benevento, cittadini e amministratori contro l’impianto di compostaggio “che rischia di inquinare le acque”

next
Articolo Successivo

Roma, viaggio sul Tevere tra baraccopoli, plastiche e rischi esondazione: “Un patrimonio da salvare” 

next