Almeno sette poliziotti sono stati uccisi in una rivolta dei detenuti scoppiata nel carcere di La Toma, nella città montagnosa di Amatlan de los Reyes. Siamo nello stato di Veracruz, zona orientale del Messico. Gli agenti erano entrati dentro la prigione nel corso di un’operazione per ripristinare l’ordine all’interno della struttura e trasferire un gruppo di detenuti. Alcuni prigionieri però hanno reagito dando fuoco ai materassi. I sette poliziotti, secondo una prima ricostruzione, sono morti per inalazione di fumo.

La polizia sta provando a sedare la rivolta ma, spiega il governo di Veracruz, i detenuti hanno sequestrato l’area dove si tiene un workshop di falegnameria e utilizzano gli strumenti come armi. Secondo le autorità, alcuni di loro sono altamente pericolosi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gaza, Israele dice no alla commissione d’inchiesta indipendente: “Protesta dei palestinesi non è il festival di Woodstock”

next
Articolo Successivo

Dazi, la Cina risponde alla mossa di Trump: tassati 128 prodotti statunitensi. Aliquote anche su carne, frutta e vino

next