Calderoli, La Russa, Taverna e Rossomando. Sono i quattro vicepresidenti del Senato eletti oggi dall’aula di Palazzo Madama. Dopo una giornata di tensioni senza raggiungimento di accordi, ciascun gruppo ha votato per sé, cristallizzando gli equilibri di coalizione con i rispettivi numeri. Che premiano Lega, Fi e M5s ma escludono da quasi tutto il Pd. I dem portano a casa solo la vicepresidenza con Anna Rossomando, ma non incassano alcun posto tra i tre questori: Antonio De Poli, per FI, il più votato con 165 preferenze; Paolo Arrigoni, per la Lega, con 130; Laura Bottici in quota M5S con 115. Il candidato dem Gianni Pittella ha ottenuto invece solo 59 voti. I democratici restano fuori anche dalla corsa per i segretari d’aula: Paolo Tosato (Lega), Francesco Giro (FI), Tiziana Nisini (Lega), Vincenzo Carbone (FI), Michela Montevecchi (M5S), Sergio Puglia (M5S), Giuseppe Pisani (M5S), Gianluca Castaldi (M5S).

Dopo l’intesa tra M5s e centrodestra per i presidenti di Camera e Senato, Pd e Movimento 5 stelle hanno inscenato schermaglie per tutto il giorno. Da una parte i grillini hanno deciso di votare solo uno dei loro candidati a vice (Paola Taverna), per favorire l’elezione della collega dem Anna Rossomando. Ma al tempo stesso il Pd ha polemizzato a più riprese perché avrebbe voluto anche la carica di questore e proponevano ai di contribuire ad eleggere Laura Bottici in cambio del voto per Pittella. Niente di fatto. E così, se la pentastellata ha dovuto rinunciare ad essere la più votata e diventare questore anziano, i dem hanno lasciato la seduta a mani vuote. I democratici invocavano, in quanto opposizione, una prassi in atto sin dal 1948. Tesi contestata da M5s che ha sottolineato che non essendoci ancora il governo, non si può ancora dire chi è maggioranza e chi è opposizione. Una tesi in realtà strumentale al vero obiettivo dei 5 stelle: la maggioranza all’interno degli uffici di presidenza per rilanciare la battaglia per l’abolizione dei vitalizi.

Polemico il segretario dem Maurizio Martina: “La presenza del Pd nelle presidenze di Camera e Senato con funzioni di rappresentanza e controllo è una questione democratica e dovrebbe riguardare tutti. Siamo il secondo partito del Parlamento e rappresentiamo milioni di elettori che non hanno votato destra e cinque stelle. La nostra funzione non può essere svilita né la nostra presenza in questi organi fondamentali parlamentari può essere condizionata da contropartite di altri e su altre responsabilità”. Ancora più duro l’attacco del renzianissimo capogruppo Andrea Marcucci: “Si è deciso di non dare questori alle minoranze”, ha detto a Porta a porta. “Per la prima volta in Italia, la gestione del Senato non dà accesso ai numeri e non sarà trasparente. Non ci sarà la possibilità di critica da parte delle minoranze. E’ una cosa che fa riflettere. La maggioranza che ha eletto la presidenza della Camera e del Senato, che è una maggioranza parlamentare e non è detto che sia anche governativa, ha deciso di non dare spazio alle minoranze”.