Luigi Di Maio? E’ sicuramente una persona capace, non sarebbe stato facile per nessuno scalare il M5S, che di fatto aveva un garante, cioè Beppe Grillo, il quale poteva avere il diktat su tutto. Però non credo che negli anni abbia dimostrato capacità concrete nel prendere decisioni difficili. Una cosa è parlare, una cosa è fare”. Sono le parole del sindaco di Parma, Federico Pizzarotti, ex esponente del M5S, nel corso della trasmissione L’Aria che Tira (La7). E spiega: “Mi riferisco alla sua storia personale e a quella lavorativa, ma anche al modo in cui ha affrontato problemi che si sono posti davanti alla sua responsabilità in questi anni, come il rapporto tra i sindaci e le vicende dei sindaci espulsi. E faccio un altro esempio: i famosi “impresentabili” del M5S di fatto sono stati già reintegrati per avere una maggioranza più ampia. E’ nei dettagli che si annida il diavolo e quindi anche le capacità o le incapacità delle persone”. Pizzarotti aggiunge: “Questo non è il M5S nel quale ero entrato nel 2009. Non è più il mio contesto ideale, cioè quello in cui si prova rispetto per le persone e si ha voglia di lavorare insieme. Ed è per questo motivo che stiamo cercando di costruire un partito, che si chiama Italia in comune. Non è il mio partito ma il partito di cui vorrei fare parte insieme ad altre persone, il leaderismo è un problema che la politica deve superare”