Qual è il futuro dell’e-reader? Cos’è Wattpad e perché spopola tra i giovani? Due domande a cui Tempo di Libri ha cercato di dare una risposta. L’edizione 2018 della fiera internazionale dell’editoria, tenutasi dall’8 al 12 marzo a Milano, ha centrato l’obiettivo per numero di visitatori e per il buon livello degli incontri. Di carne al fuoco ce n’era veramente per tutti i gusti, anche sul fronte editoria digitale. Al Digital Cafe si sono affrontati molti argomenti, in particolare desidero soffermarmi sull’incontro dedicato al futuro di e-book e e-reader e su quello che ha esaminato il fenomeno Wattpad.

Se in un libro di carta contenuto e supporto sono inscindibili, in digitale corrispondono a oggetti diversi. Sul futuro dei dispositivi di lettura si sono confrontati Gino Roncaglia, Gregorio Pellegrino e Fabrizio Venerandi. Laureato in filosofia, Gino Roncaglia è professore associato presso l’Università della Tuscia, dove insegna Informatica applicata alle discipline umanistiche e Applicazioni della multimedialità alla trasmissione delle conoscenze, è stato tra i pionieri dell’utilizzo di internet in Italia ed è socio fondatore dell’associazione culturale Liber Liber dove si trovano oltre 4000 e-book gratuiti. Roncaglia ha evidenziato, tra l’altro, le difficoltà degli strumenti software attuali nel gestire le note, evidenziando che pochi e-reader sono attrezzati per una gestione complessa quale quella dei libri di testi scientifici.

Mentre Fabrizio Venerandi, scrittore e poeta, nel 2010 ha fondato con Maria cecilia Averame la casa editrice digitale Quintadicopertina, ha sottolineato la profonda differenza tra un prodotto che nasce digitale e quello che è la semplice trasposizione su e-book di un libro cartaceo. Il primo può usufruire di tutte le potenzialità fornite dalla tecnologia, mentre il secondo si limita a riproporre il testo in digitale. Per Venerandi è necessario pensare un modo nuovo di scrivere, infatti ha presentato la poesia elettronica con versi instabili che mutano nel tempo e si ricompongono: più lunghi durante il giorno e più brevi la notte.

Infine, Gregorio Pellegrino, ingegnere informatico e consulente della casa editrice Effatà, ha posto l’accento sugli aspetti più tecnici legati agli standard, in particolare sui numerosi interrogativi che sono nati nello sviluppo dell’ePub3. Non è facile mettere d’accordo le menti creative degli editori con quelle tecnologiche degli sviluppatori. Inoltre, vi è una sostanziale differenza tra una pubblicazione digitale e un sito web, tra un testo di narrativa e uno scientifico. In Giappone il digitale è tutto su ePub3 e in Francia stanno procedendo alla conversione. In Italia la situazione è molto diversificata.

E ora passiamo al fenomeno Wattpad. Nato a Toronto dall’idea di due ingegneri, l’elettronico Allen Lau e l’informatico Ivan Yuen, Wattpad è una piattaforma online che unisce una comunità multilingue di scrittori e lettori tramite sito web o app su dispositivo mobile. La registrazione al sito è gratuita, ma c’è anche la possibilità di accedervi utilizzando il proprio profilo Facebook o account Google. Gli utenti hanno l’opportunità di leggere e pubblicare racconti originali o fanfiction, suddividendoli in categorie in base al genere. E i numeri sono da capogiro: 40 milioni di utenti, 80 milioni di storie pubblicate, un’app che genera l’85% del traffico in rete.

A Tempo di Libri era presente Cristina Chiperi che, con la sua prima trilogia, ha avuto 50 milioni di visualizzazioni in Italia. Il suo romanzo Starlight è stato acquistato e pubblicato da Fanucci e ha venduto 175mila copie. Ora l’autrice è passata a Garzanti, ma continua a pubblicare su Wattpad. E, secondo Chiara Codecà, giornalista esperta di strategie di comunicazione, crossmedia e fan culture, è solo la punta di iceberg. In Italia vi è anche il portale EFP Fanfiction che ha oltre 1,4 milioni di iscritti con una partecipazione molto attiva. Insomma l’editoria, grazie alla rete e al digitale, sta scoprendo nuovi modi di arrivare ai lettori che non sono semplici fruitori ma dialogano con l’autore partecipando alla realizzazione del romanzo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Michelangelo, scoperta una caricatura dell’artista nascosta in un suo disegno

prev
Articolo Successivo

Acqua di colonia, un modo per capire che gli italiani non sono affatto brava gente

next