Trenbolone, Winstrol, Boldenone, Masteron: sono solo alcuni dei nomi dei pericolosi prodotti farmaceutici ad uso animale. Li conoscono i veterinari, le case farmaceutiche e gli “spacciatori di muscoli“. Così li chiama un’inchiesta delle Iene, firmata da Alessandro Politi, che – dalle palestre italiane fino all’Egitto – ha raccontato il giro d’affari criminale che si aggira, solo in Italia, intorno ai 245 milioni di euro. Lo spaccio di steroidi anabolizzanti coinvolge, come dimostra il servizio del programma di Italia 1, titolari delle strutture, personal trainer, preparatori atletici e malavitosi che smerciano i prodotti ai frequentatori delle palestre in grado di ridisegnare muscolature michelangiolesche, ma pericolosissime per la salute. Nel corso dell’inchiesta numerosi personal trainer, in pubblico, tra gli attrezzi della palestra, fornivano consigli sulle sostanze (illegali) da assumere per poi rinviare ad appuntamenti al telefono, messaggi, magari anche su Telegram. I consigli sono anche su come assumere le sostanze: “Falla piano”. Ma il traffico, dimostra il servizio, coinvolge perfino i medici. “Se vuoi tirarti un po’ col grasso, l’Efedrina, quella ti fa fare invece che 20 esercizi, 40″ dice uno di loro davanti alla telecamera nascosta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Napoli, io sto con Dafne e le altre mamme dei bimbi trapiantati

prev
Articolo Successivo

“Aldo Moro, i terroristi parte di un gioco più grande di loro”. Così le potenze Nato volevano sbarazzarsene. Prima delle Br

next