Oltre un centinaio tra disabili, ammalati di Sla, loro familiari e membri di associazioni di volontariato che si occupano dell’assistenza completa dei malati gravi, hanno protestato questa mattina, giovedì 15 marzo, a Bari dinanzi alla sede della presidenza della Regione Puglia con un presidio che ha bloccato il traffico e creato disagi sul lungomare. La protesta è nata per i ritardi nella erogazione degli assegni di cura necessari per l’assistenza ai disabili e che sono bloccati dallo scorso luglio. Durante la protesta il governatore e assessore alla Sanità, Michele Emiliano, è sceso in strada e in un faccia a faccia concitato con i disabili, ha spiegato che la situazione dei ritardi “è stata subita anche dalla Regione” perché dovuta “alla burocrazia che ha deciso di gestire in questo modo un percorso che ha visto prima la morte dell’assessore al Welfare, e poi la dirigente del settore candidarsi alle elezioni con due mesi spesi per la campagna elettorale”. Ha comunque assicurato la soluzione del problema in un mese

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nantes, sgomberati i migranti che occupavano l’Università. Adesso abitano in una casa di riposo abbandonata

prev
Articolo Successivo

Violenza sessuale, gli abiti delle vittime in una mostra contro il peggiore dei pregiudizi: “Com’eri vestita?”

next