Un cittadino marocchino è stato espulso dall’Italia “per motivi di sicurezza dello Stato“. Fa sapere il Viminale che si tratta di un 35enne che, detenuto per reati comuni nel carcere di Alessandria, aveva assunto la funzione di imam, ruolo dal quale è stato poi estromesso a causa delle sue posizioni oltranziste e della sua condotta violenta manifestata nei confronti di altri appartenenti alla sua religione. Per questo motivo le forze dell’ordine lo hanno messo sotto controllo fino al provvedimento di espulsione.

Il 35enne era stato anche segnalato per aver inneggiato all’autore dell’attentato compiuto a Nizza nel luglio 2016. Così, per tutti questi motivi, dopo la scarcerazione è stato trattenuto al Centro per rimpatri e espulso con accompagnamento nel Paese d’origine, con un volo decollato da Malpensa e diretto a Casablanca.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Udine, adesivi con la faccia dell’ex primo cittadino Honsell in divisa da deportato e la scritta “sindaco di Auschwitz”

prev
Articolo Successivo

Parma, l’ex rettore dell’Università Loris Borghi trovato senza vita. Imputato per abuso d’ufficio nel caso dei farmaci

next