Un vero e proprio oggetto del desiderio: lo è senza dubbio la Jaguar XJ6 del 1984 restaurata e modificata appositamente per Nicko McBrain, batterista degli Iron Maiden e appassionato collezionista del marchio inglese che ha collaborato direttamente al progetto. L’auto è esposta in queste ore al Salone di Ginevra 2018 e fa parte di una serie di iniziative con cui la marca omaggerà il mezzo secolo di storia della XJ.

L’impresa è stata affidata alle sapienti mani della Jaguar Land Rover Classic Works, reparto del gruppo britannico che si occupa di rimettere in sesto i gioielli dei rispettivi marchi. Tuttavia il lavoro dei tecnici ha riguardato pure l’aggiornamento di alcune componenti, ora più in linea coi tempi moderni: il risultato, magistrale, ha richiesto oltre 3.500 ore di manodopera, con oltre 4.000 componenti ridisegnate, rifinite e riposizionate.

La carrozzeria si distingue per l’intrigante verniciatura “Mauve”, per i nuovi paraurti e per i passaruota allargati. All’occhio degli appassionati non saranno sfuggiti i nuovi fanali con componenti a Led e i cerchi in lega da 18”. Spazio anche alla finizione cromata, presente sulle maniglie delle portiere, sulle cornici dei finestrini e sulle calotte dei retrovisori laterali. Mentre per migliorare il comfort di marcia sono state applicate delle guarnizioni moderne per le portiere e pannelli fonoassorbenti.

Nuova l’imbottitura in schiuma dei sedili, foderati in pelle rossa; mentre la plancia annovera impiallacciature Sycamore in Dark Grey, il materiale preferito per i rullanti della batteria di Nicko. Non mancano chiusura centralizzata con telecomando, accensione del motore a pulsante e un nuovo climatizzatore. Essendo destinata a McBrain, l’impianto audio è all’altezza delle aspettative: attraverso il sistema infotelematico si controlla un’orchestra di altoparlanti da 1.100 watt di potenza complessiva.

Dulcis in fundo la meccanica: su questa Jaguar da sogno è previsto un nuovo assetto regolabile. Infine il motore di 4.2 litri di cilindrata è stato rifatto con componenti originali e beneficia di tre carburatori derivati dalla sportiva E-Type: ovviamente non poteva non esserci un inedito sistema di scarico sportivo, per esaltare ogni nota del sei cilindri in linea, specie quando si viaggia a radio spenta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salone del Veicolo D’Occasione, l’usato certificato prendi e porta a casa – FOTO

next
Articolo Successivo

Stephen Hawking, quando il Professore faceva il testimonial per Jaguar – VIDEO

next