L’ultimo baluardo della tradizione che fu va in pensione: la Volkswagen ha infatti deciso di mettere fine alla produzione del glorioso Maggiolino, attualmente  costruito nello stabilimento messicano di Puebla.

Il motivo? Quello di fare spazio, sia come impianti che come risorse umane dedicate, alla produzione di un qualcosa di altrettanto particolare: si tratta del nuovo Volkswagen ID Buzz, minibus a batteria le cui linee sono ispirate a quelle del mitico Bulli (al secolo, Type 2 Transporter): il pulmino di Woodstock e dei figli dei fiori, i quali forse saranno contenti di sapere che l’erede di quella tradizione sarà un mezzo a emissioni zero.

A rivelare la manovra è stato il membro del board Vw responsabile di Ricerca e Sviluppo Frank Welsch, a margine di un incontro al salone dell’auto di Ginevra, attualmente in fase di svolgimento. Spiegando, secondo quanto riportato dal magazine inglese Autocar, “che due tre generazioni di maggiolino sono sufficienti adesso”, in riferimento ai modelli arrivati nel 1997 e nel 2011, perché erano state realizzate “pensando al passato, ma adesso non è più possibile fare un Nuovo Maggiolino”

In realtà, pare che ad essere cambiato sia proprio l’approccio strategico verso questo tipo di mezzi: esaurita la funzione di “rappresentanza” avuta dalla Beetle, in Volkswagen avrebbero pensato che quel ruolo di “collante” con il passato potesse essere svolto proprio dall’ID Buzz. Che, ricordiamolo, arriverà sul mercato nel 2021-22 andando ad impolpare l’offerta di veicoli a batteria della casa di Wolfsburg.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salone di Ginevra, non solo suv. Ecco i prototipi e le concept car che fanno tendenza – FOTO

next
Articolo Successivo

Volkswagen, all-in sull’elettrico. Entro il 2020 sedici fabbriche per auto a batteria

next