Mettere insieme Movimento 5 stelle e Lega: è una delle ipotesi, numeri alla mano, per la formazione di una nuova maggioranza in Parlamento. Ma finora, in tutta Italia, la missione è riuscita solamente a Christian Bianchi, sindaco di Laives, un paese di 18mila abitanti alle porte di Bolzano. “Abbiamo fatto un accordo basato su un programma di 14 punti – racconta il primo cittadino al fattoquotidiano.it – e sta andando molto bene: in due anni e mezzo abbiamo avuto opinioni ed intenti condivisi”. Forse il modello Laives potrebbe essere riproposto anche a Roma: “Qui funziona, ma non è detto valga lo stesso per l’Italia – dice Bianchi – però vale la pena fare uno sforzo”. Per ora i cittadini sembrano apprezzare: in un Alto Adige in cui resiste l’asse Pd-Svp, a Laives il totale dei voti alla Camera per centrodestra e M5s ha superato il 50%.

Il sindaco non vuole entrare nelle questioni nazionali, ma ammette che “i partiti che hanno vinto le elezioni hanno la responsabilità di trovare una soluzione per formare un governo”. Proprio come è successo a Laives dopo le elezioni del 2015, quando il candidato di centrodestra e Lega fu eletto sindaco. “Ci furono una serie di incontri per verificare la possibilità di avere un programma condiviso”, racconta Bianchi. La trattativa fu trasmessa in diretta streaming: “Il M5s propose una serie di punti, alcuni li scartai. Sugli altri stabilimmo anche i tempi di realizzazione”, spiega il sindaco. I due consiglieri 5 stelle scelsero alla fine di dare un appoggio esterno: “Mi permisero così di avere i numeri in consiglio comunale per governare. Fu una bella esperienza di cui li ringrazio”, afferma Bianchi.

Il contenuto dell’accordo fu reso pubblico, i due consiglieri pentastellati Paolo Castelli e Alberto Dell’Osbel scrissero su Facebook: “Questa è la dimostrazione che il M5s è da sempre disposto al confronto, purché si parli di programmi e non di poltrone”. I quattordici punti di quell’accordo riguardavano anche battaglie storiche del Movimento: “La riduzione del 20% dei compensi per tutta la giunta e per il presidente del consiglio, ma anche la creazione di impianti fotovoltaici e la realizzazione di tre piste ciclabili, i cui lavori sono in partenza”, spiega Bianchi. Altri punti riguardavano una serie di opere come una scuola, la piazza principale della città e la riqualificazione della sua via principale.

Al di là dei programmi firmati post-elezioni, poi però c’è l’attività di governo di tutti i giorni. “In questi due anni e mezzo non ci sono mai state difficoltà nei rapporti tra noi, il M5s e la Svp”. Anche il partito sudtirolese ha scelto infatti di entrare in coalizione con Bianchi. E in maggioranza la coesione è stata totale anche sui temi più importanti di questi ultimi anni. Innanzitutto la questione dell’aeroporto bolzanino, in cui Laives è stata capofila dei contrari. Ma anche il tema dei migranti. “Sì, pure sui migranti il M5s la pensava esattamente come noi, come la Lega e come la Svp”, racconta Bianchi. L’accordo sull’accoglienza si è basato su tre requisiti fondamentali. “A Laives ci sono 60 migranti – spiega il primo cittadino – Abbiamo scelto noi il posto e abbiamo deciso che fossero loro a svolgere mansioni come cucinare, fare la spesa e pulire. Inoltre, abbiamo stabilito che dovessero restituire qualcosa al comune: ora alcuni di loro lavano i piatti in mensa, alcuni lavorano in un cantiere comunale e altri collaborano con aziende locali”. Questa è la ricetta condivisa da Lega e M5s: “Abbiamo parlato e preso assieme una decisione”, afferma Bianchi.

I risultati del 4 marzo alle urne fanno pensare che il modello Laives porti benefici al Carroccio come ai Cinque stelle: entrambi hanno ottenuto circa cinque punti percentuali in più rispetto alla vicina Bolzano. Qui Maria Elena Boschi è uscita sconfitta. Secondo il sindaco Bianchi però, “Laives può essere un laboratorio politico soprattutto a livello provinciale, più che nazionale”. A ottobre in Alto Adige si tornerà al voto e la Svp dovrà decidere se rivedere le proprie alleanze dopo il crollo del Partito democratico: “La nostra esperienza ha dimostrato alla Svp che si può governare con il centrodestra e con il M5s”, afferma il primo cittadino. “Se si ragiona di punti e di programmi – conclude Bianchi – tutto è possibile”. Da due anni e mezzo a Laives l’accordo regge.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni 2018, l’analisi di Citi: “Mercati scopriranno che politici più preoccupati del proprio futuro invece che del Paese”

next
Articolo Successivo

Pd, Calenda: “Io segretario? Sarebbe ridicolo. Renzi ha sbagliato, ma ha fatto cose buone. No a resa dei conti”

next