La differenza salariale tra uomini e donne c’è e si sente. Quindi bisogna mostrare concretamente cosa significa. E un’idea molto chiara ce l’ha avuta Liberation, quotidiano francese che per l’8 marzo ha deciso di uscire in edicola con due prezzi diversi: 2,50 euro per gli uomini e 2 euro per le donne, per sottolineare in modo simbolico gli scarti salariali fra i due sessi.

“Gli eventuali benefici saranno versati al Laboratoire de l’égalité“, cioè un’associazione mobilitata a favore dell’uguaglianza professionale fra uomini e donne, spiega il giornale. “Nonostante la legge, lo scarto salariale fra uomini e donne in Francia è sempre del 25%. Per mettere in evidenza questa ingiustizia, Libération ha deciso di applicare la stessa differenza, per una giornata, al suo prezzo di vendita”. Ci sono dunque, eccezionalmente, due prime pagine diverse a seconda che ad acquistare sia un uomo o una donna: nella prima, con il pittogramma di un uomo, si legge ‘Per gli uomini 2,50 euro’; nella seconda invece, con il pittogramma di una donna, si legge ‘Per le donne 2 euro, prezzo normale’.

In entrambi i casi il titolo è ‘Contro le diseguaglianze salariali‘. Nelle pagine interne, poi, il giornale spiega che “inizialmente Libé aveva pensato di fare un’offerta alle donne: un prezzo più basso, 1,50 euro. Ma sapeva di elemosina“, perciò si è poi pensato alla nuova idea. Liberation precisa di essersi ispirato all’iniziativa di un mensile canadese, Maclean’s, che nella sua edizione di marzo per attirare l’attenzione sul gender gap ha previsto di fare pagare agli uomini il 26% in più.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sciopero 8 marzo, la protesta delle donne: “Meno precarietà, reale parità di salari, lotta a molestie e discriminazioni”

next
Articolo Successivo

8 marzo, manifestazioni ed eventi da Milano a Roma. Mattarella: “Pari opportunità contro le disuguaglianze”

next