Nutro ragionevoli speranze nel fatto che, finalmente, dopo 25 anni di governi condizionati dall’impossibilità a schierarsi in modo chiaro affianco ai più deboli, un Esecutivo a guida 5 stelle possa essere assai più incisivo. La disabilità non può aspettare: 4 milioni e mezzo di disabili, 600.000 giovani disabili cognitivi e 130.000 disabili adulti gravi, rimasti soli, guardano ad un governo rinnovato che abbia la forza di indicare la strada per un welfare di prossimità rinviato troppo a lungo.

Le leggi a saldi invariati dei governi a guida Pd e quelle dei governi di centrodestra che avevano azzerato le risorse alle politiche sociali e alla non autosufficienza dovranno essere accantonate per sempre dal 4 marzo in poi.

La nota che segue è frutto del lavoro del Centro studi dell’associazione che presiedo “Tutti a scuola”. Circa un mese fa l’ho consegnata da candidato per Liberi e Uguali al Senato a Napoli al leader del partito, Pietro Grasso, con l’impegno a trasformarla in atti concreti. Si tratta di una serie di proposte sensate: non sono stato eletto ma voglio sottoporvele comunque con l’augurio che la politica metta al centro quelli che fanno più fatica, quanti hanno perso da tempo ogni speranza e torni ad essere una pratica al servizio della collettività. Ad iniziare dai più deboli.

Forse il 4 marzo gli italiani, votando 5 stelle, hanno chiesto proprio questo.

Buon lavoro.

Disabilità e scuola
1 alunno disabile per classe
20 alunni al massimo per classe
Formazione obbligatoria insegnanti curricolari
Abolizione graduatorie incrociate
Assistenza specialistica ed alla comunicazione garantita a tutti gli alunni disabili
Impegno di spesa: 1,5 miliardi di euro

Fondo nazionale non autosufficienza
(misure a sostegno della vita indipendente, ausili, assistenza domiciliare)
Impegno di spesa: 3 miliardi di euro/ anno

Dopo di noi
Impegno di spesa: 2,5 miliardi di euro/anno

Legge autismo
Impegno di spesa: 1,5 miliardi di euro

Caregiver
Approvazione della proposta di legge (ddl 2128) presentata nella ultima legislatura dalla senatrice Laura Bignami
Impegno di spesa: da definire con il ministero del Lavoro

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni, Salvini: “Un brindisi a Saviano e ai 99 Posse”. Lo scrittore cita Gomorra: “Biv, famm’ capì si me pozz’ fida’ ‘e te”

next
Articolo Successivo

Elezioni, Floris legge lettera richiamo Agcom: “E’ una gogna e devo inginocchiarmi sui ceci”. Il commento ironico di Travaglio

next