Dagli ex presidenti della Regione Augusto Rollandin e Pierluigi Marquis al presidente del Consiglio Valle Joel Farcoz, passando per i consiglieri regionali Luca Bianchi, Stefano Borrello, David Follien, Antonio Fosson, Giuseppe Isabellon, André Lanièce, Marilena Peaquin, Claudio Restano e Renzo Testolin. Sono 21 in tutto, tra consiglieri ed ex consiglieri, i politici della Valle d’Aosta a cui la Guardia di Finanza ha notificato mercoledì mattina il sequestro conservativo di beni immobili e conti correnti, terreni, quote di società di gestione del risparmio e società fiduciarie, oltre a quinto della quota relativa a stipendi, pensioni e vitalizi maturati presso datori di lavoro ed enti pubblici. Il provvedimento, disposto dalla procura regionale della Corte dei Conti, è legato all’inchiesta contabile per un presunto danno erariale di 140 milioni di euro relativo al finanziamento pubblico del Casinò di Saint-Vincent.

Molti dei conti correnti intestati agli indagati – secondo quanto si è appreso – risultano essere già stati spogliati delle disponibilità presenti in un momento successivo alle contestazioni erariali formulate dall’Autorità Giudiziaria contabile. Analogamente, su parte degli immobili e terreni di proprietà gli amministratori pubblici hanno compiuto operazioni atte a evitare i provvedimenti cautelari dell’autorità giudiziaria, la quale potrà comunque agire con azione revocatoria a tutela del credito erariale e della comunità valdostana.

Tra i beni sequestrati, 151 tra immobili e terreni sono nelle conservatorie dei registri immobiliari in Valle d’Aosta e nelle province di Sassari, Savona e Alessandria per un valore catastale di 6,6 milioni di euro, corrispondente valore di mercato di circa 20 milioni di euro. Inoltre 81 tra conti correnti, conto titoli e altre forme di investimento sono stati sequestrati presso 31 istituti di credito, società di gestione del risparmio e società fiduciarie.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caserta, “esorcismi brutali e violenza sessuale”: resta in carcere sacerdote

next
Articolo Successivo

Sardegna, indagato l’ex governatore Cappellacci. È il primo politico sotto inchiesta della nuova legislatura

next