“La specie che sopravvive non è quella più forte ma quella che si adatta meglio”. Beppe Grillo, mentre le trattative per il governo devono ancora ufficialmente iniziare, ha pubblicato un video sul suo blog in cui parla metaforicamente della natura umana e quindi del suo Movimento 5 stelle. “Noi siamo un po’ dentro democristiani, un po’ di destra, un po’ di sinistra, un po’ di centro… possiamo adattarci a qualsiasi cosa”. Ospite della mostra “Human, il futuro della nostra specie” al Palazzo delle Esposizioni di Roma, il garante 5 stelle ha aperto una riflessione che sembra voler tranquillizzare l’ala più ortodossa degli attivisti. “Vinceremo sempre noi sul clima, sull’ambiente, sulla terra”, ha detto. “Ci trasformeremo, magari diventeremo come il citopigio dell’inizio”. Parole rivolte direttamente agli elettori 5 stelle, che si preparano ad assistere al dialogo di Luigi Di Maio con gli altri partiti per poter formare una maggioranza.

Sono giorni di festeggiamenti per il M5s dopo il risultato delle elezioni, ma anche di attesa in vista dell’insediamento in Parlamento. Venerdì 9 marzo, nel pomeriggio, ci sarà la prima assemblea dei neo-eletti. I nuovi parlamentari pentastellati si ritroveranno con il capo politico Luigi Di Maio all’hotel Parco dei Principi, dove il M5s ha tenuto il comitato elettorale tra il 4 e il 5 marzo. E’ uno degli appuntamenti fondamentali anche in vista delle prossime mosse: sono tantissimi i nuovi volti e ci sarà bisogno di compattezza per far fronte all’ingresso in Parlamento.

Questa sera Di Maio ha scelto di festeggiare la sua elezione (con oltre il 64 per cento dei voti contro lo scarso 20 di Vittorio Sgarbi, suo avversario) ad Acerra. Qui è stato accolto da una folla di militanti, selfie, cori da stadio. Nessun intervento dal palco, ma solo una breve passerella tra la folla, con gli altri abitanti che affacciati dai balconi fotografavano la scena. Il leader M5s si è limitato a salutare, a ringraziare i militanti per poi tornare sul pulmino.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni 2018, i Giovani Democratici di Pesaro: “Gli elettori di sinistra non hanno votato Pd? No, sono morti di vecchiaia”

prev
Articolo Successivo

Elezioni, l’eurodeputato che smascherò Salvini “il fannullone”: “Lega? Governi Ue responsabili. Ok M5s, ma basta cazzate”

next