Sono partiti come moda da vip e in un lampo sono arrivati nelle tasche di tutti. Era il 2014 quando il selfie di gruppo alla notte degli Oscar fece il giro di tutti i quotidiani internazionali e dei social network. Allora l’occhio mezzo tagliato di Jared Leto, il faccione in primo piano di Bradely Cooper, il sorriso di Julia Roberts e Meryl Streep appollaiata dietro ai due fari blu di Ellen DeGeneres tutti ammassati in un autoscatto, stravolsero il mondo consacrando una tendenza in (lenta) ascesa. Quattro anni più tardi alzi la mano chi non scatta almeno un selfie al giorno. Le aziende creano nuove generazioni di smartphone capaci di fare autoscatti perfetti praticamente anche al buio, le campagne pubblicitarie, da quelle politiche a quelle dell’ultima station wagon, li hanno eletti a mantra e le gallery fotografiche dei nostri telefoni sono stracolme di faccioni di amici, sconosciuti, mamme e addirittura nonne. Alla stessa velocità con cui i selfie hanno preso possesso dei nostri smartphone (e delle nostre vite), così applicazioni per aggiungere un sorriso, correggere l’ombreggiatura o sbiancare i denti, ovviamente, sono piovuti nei vari Store online come una tempesta tropicale. Come dare torto agli sviluppatori, il “primo” selfie della storia era composto da divinità dell’olimpo di Hollywood…  Dopo un attento giro di perlustrazione, abbiamo selezionato le migliori app, iOS e Android, per il fotoritocco dei nostri selfie.

Le migliori app per il fotoritocco: da Facetune a YouCam perfect

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Diritto all’oblio, Google ha cancellato meno della metà dei link di cui è stata chiesta la rimozione

prev
Articolo Successivo

Instagram, curiosi di sapere chi smette di seguirvi? Ecco come si fa

next