Il governo Tsipras perde altri pezzi. Il ministro dell’Economia greco Dimitri Papadimitriou si è dimesso qualche ora dopo che la moglie Rania Antonopouloul, vice ministro del Lavoro, era stata costretta a lasciare l’incarico. Il motivo? Il quotidiano Eleftheros Typos ha rivelato che la Antonopouloul ha ricevuto circa 23mila euro (mille euro al mese) in sovvenzioni statali per l’affitto di un appartamento nel lussuoso quartiere di Kolonaki. Questo nonostante il ministro dimissionario e la moglie vantino insieme un reddito di tre milioni di euro e in spregio ai durissimi sacrifici imposti in questi anni ai greci a causa della crisi economica. Per ottenere il sussidio, la coppia è ricorsa a una legge del 2015 che consente a ministri e parlamentari di richiedere un sussidio per prendere casa ad Atene.

Le dimissioni di Papadimitriou e della moglie potrebbero aprire la strada a un rimpasto di governo, dopo che già il mese scorso aveva lasciato il vice ministro dell’Educazione Costas Zouraris e presto potrebbe rinunciare all’incarico per ragioni di salute il titolare delle Politiche migratorie Yiannis Mouzalas.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ema, dalla Commissione no alla revisione della sede di Amsterdam. “Ppe non difende Milano”

prev
Articolo Successivo

Brexit, stop nella trattativa. Ue: “Nord Irlanda rimanga nell’unione doganale”. May: “Inaccettabile, minaccia a integrità”

next