“Più che sciolti, i partiti neofascisti vanno stigmatizzati. Si ricordino che fanno ciò che fanno perché siamo in una democrazia”. Al teatro Ponchielli di Cremona, davanti ad oltre 800 studenti, Liliana Segre, senatrice a vita sopravvissuta ad Auschwitz, ha detto di essere “qui per i miei nipoti ideali di oggi. Ho una storia da raccontarvi – ha affermato rivolgendosi ai ragazzi -: una storia tragica che però finisce bene”. Poi torna sui nuovi fascisti: “I sentimenti di razzismo e antisemitismo ci sono sempre stati, solo che prima c’era la vergogna che non li faceva emergere. Oggi quella vergogna non c’è più ed eccoli palesarsi, a distanza di 70-80 anni”. Poi Segre ha parlato dei giovani e dell’importanza del voto. “Votare è il contrario dell’indifferenza, vuol dire fare una scelta. Qualsiasi essa sia” – Immagini di Cremona1 (a cura di Simone Bacchetta)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napoli, su De Luca Renzi fa il verso al M5s: “Noi partito dell’onestà”. E sui rimborsi: “Abbiamo restituito più di loro”

next