Quella tra il Benevento e il Crotone è un’antica rivalità calcistica che affonda le proprie radici nelle serie con le ultime lettere dell’alfabeto e che risale addirittura all’epoca greca quando Pitagora, inventore del modulo 4-4-2 con la maglia del Kroton, sfidò in una partita a pallone i primi Sanniti, preromani ma già giallorossi.

Da allora, nei secoli, le due squadre si sono ripetutamente incontrate in tutte le categorie storiografiche. Le fonti riportano come i calabresi abbiano sempre avuto la meglio, superando a più riprese l’ostilità dei campi di battaglia, i giavellotti e i play-off.

Nel De Architectura, Vitruvio, racconta come gli abitanti dell’odierno Sannio usassero ornare le abitazioni con festoni e ghirlande inneggianti alla propria squadra prima di ogni match coi pitagorici e di come, mestamente, dovessero poi smontare subito le decorazioni al termine del novantesimo.

Così è stato fino a ieri, ovvero fino alla Battaglia del Vigorito, momento in cui si è verificata la tanto attesa rivalsa calcistica del Benevento sul Crotone.

La storia della città ultima in classifica, già ricca di vicende e avvenimenti, si è corredata dunque di una nuova data da memorizzare, mentre il locus ha confermato la propria natura di campo da gioco. Quante battaglie a Benevento!

Pensateci: nel 275 a.C i Romani, nella Battaglia di Pirro, annientano il Re dell’Epiro e, per festeggiare, modificano il nome originario della città, Maleventum, in Beneventum; nel 321 a.C. i Sanniti prevalgono sui Romani nel celebre episodio delle Forche Caudine; il 26 febbraio 1266 Manfredi di Svevia è sconfitto da Carlo d’Angiò.

Il 18 febbraio 2018 la squadra di De Zerbi supera per 3 a 2 quella di Zenga.

Lo so: delle Guerre Sannitiche è Tito Livio a parlarvene e di Manfredi è Dante Alighieri. Della serie A è la sottoscritta, abbiate pazienza.

Ma immaginate chi scrive avvolta in un k-way due taglie più grandi, sotto la pioggia, al riparo nel settore distinti, parte inferiore, nella zona meno poetica ma più responsabile: nessuna visione aerea del campo, ma un tetto sulla testa e un accesso privilegiato al bibitaro e ai bagni. Immaginate la vostra inviata con la solita bustina di sementi nevrotici, in piedi, accanto a un pilone dello stadio, a sudare freddo e a non capire se si tratti dell’agitazione o dei primi decimi di febbre.

E pensate, per un momento, a cosa sia potuto accadere al Vigorito dopo il gol di Diabaté al 90° e cosa si sia verificato nei lunghissimi 4 minuti di recupero in cui, tra urla e strepiti, i “Quanto manca?” si alternavano velocissimi ai “Fischia! Fischia!”. E poi il boato al termine della partita.

Nessun segno di resa da parte della squadra e della tifoseria. Tutt’altro.

D’altra parte, la matematica non condanna ancora il Benevento e, questa volta, sono stati proprio i pitagorici a garantirlo.

Ps: La dodicesima edizione del Premio Stregone va al signore con la maschera da gladiatore che ha ispirato la lettura in chiave storica della partita.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Inter, la dura realtà: Luciano Spalletti vale come la triste coppia De Boer-Pioli

next
Articolo Successivo

Torino-Juve, il tifoso granata spinge il bianconero giù dalla balaustra a bordo campo. E dagli spalti la tifoseria rincara

next