La giornalista di Fanpage Gaia Bozza è stata aggredita da una donna durante un appuntamento elettorale del Partito democratico in un hotel del lungomare di Salerno. Un incontro al quale erano presenti anche il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, e il figlio Roberto, che nella stessa occasione ha annunciato le proprie dimissioni da assessore al Bilancio del Comune di Salerno a seguito delle polemiche nate dai video pubblicati proprio da Fanpage. È indagato per corruzione. Il sito ha infatti realizzato un’inchiesta a puntate sugli appalti per i rifiuti in Campania (prima e seconda puntata), dove l’ex boss Nunzio Perrella, dichiarando di volere “rientrare nel giro”, entra in contatto con funzionari ed esponenti politici campani. Bozza riferisce di essere stata spintonata, poi la donna che l’ha aggredita “ha preso a schiaffi la telecamera e ha provato a colpire anche me, poi è stata allontanata”. La reporter parla di “un brutto clima, ma – conclude – facciamo semplicemente il nostro lavoro”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Macerata “libera e antifascista”: la manifestazione voluta dal sindaco per “riannodare i legami della comunità”

prev
Articolo Successivo

Valanghe, padre e figlia travolti sulle Alpi francesi. Mentre è scampato pericolo per 30 in Svizzera e Alto Adige

next