Il pg aveva chiesto ai giudici di restituire i figli ai genitori perché alla adottabilità si era arrivati con “una genesi non legale”. Ma oggi la Cassazione non ha accolto la richiesta e la bimba nata da una coppia di genitori anziani di Casale Monferrato ritenendoli incapaci “di comprendere quali siano i bisogni emotivo affettivi e pratici” della bimba, e risultando il padre “totalmente dipendente” dai desideri della moglie “chiusa in un processo narcisistico”. Il verdetto depositato ha confermato la sentenza emessa dalla Corte di appello di Torino nel 2017 nel processo di secondo grado-bis. La Cassazione inoltre sottolinea che padre e madre pur non presentando “caratteristiche di emarginazione sociale, culturale ed economica” e pur avendo collaborato con le “indicazioni” dei servizi sociali, hanno riportato “valutazioni tecniche”, emerse nei giudizi di merito, “univocamente negative in ordine all’idoneità genitoriale“.

Gli ermellini aggiungono inoltre che la valutazione della vicenda, e la decisione finale di dichiarare l’adottabilità della bimba, non è stata centrata “esclusivamente” sull’episodio di abbandono in auto della piccola per qualche minuto, né solo sull’età di padre e madre, dal momento che le indagini svolte si sono arricchite di “numerosi ulteriori elementi”. Ad avviso della Cassazione la “complessiva valorizzazione e valutazione” di tutti gli elementi raccolti nei processi di merito costituisce un nucleo “incensurabile”. Per la complessità della vicenda, la Suprema Corte ha compensato le spese di giudizio tra i genitori “anziani” e il tutore provvisorio della bimba.

La madre, Gabriella Carsano quando è nata la bambina aveva 57 anni, mentre il marito Luigi Deambrosis 69. Il Pg aveva sostenuto che il fatto che la bimba “sia stata adottata non può ottenere tutela perché si tratta di una situazione la cui genesi non è legale” e che la famiglia adottiva, con cui la bimba vive da 7 anni, avrebbe dovuto collaborare al ‘rientro’ della piccola nella casa dei veri genitori per attutire il trauma.  La “situazione con genesi non legale” cui fa riferimento è la sentenza del 2012 del Tribunale dei minori di Torino che ha stabilito l‘adottabilità della bambina sulla base delle denunce di alcuni vicini di casa della coppia di anziani genitori rivelatesi poi infondate. Questi sostenevano che il padre avesse lasciato la bambina in auto a piangere per 40-45 minuti. Accuse a cui l’uomo ha sempre ribattuto, dicendo di averla lasciata per pochi minuti e sempre sotto controllo mentre scaldava il latte da darle. L’uomo è stato poi assolto in tutti e tre i gradi di giudizio, ma la lunga vicenda giudiziaria di questi anziani genitori per vedere riabilitato il proprio ruolo non si è ancora conclusa. La bimba è nata nel 2010 all’estero con la fecondazione eterologa, che all’epoca in Italia era vietata (solo nel 2014 la Consulta ha stabilito l’incostituzionalità delle legge che la vietava). La coppia, che cercava di avere un figlio dal 1990, aveva anche tentato senza successo le vie dell’adozione nazionale e internazionale. Già in ospedale, quando la bimba era nata, erano “stati allertati i servizi sociali per la questione dell’età”. La Cassazione, però, proprio su questo casao aveva stabilito che “la legge non prevede limiti per chi intende generare un figlio’”. Da quella sentenza è molto tempo e il caso dei genitori nonni è nuovamente approdato davanti ai supremi giudici per l’atto conclusivo.

“La macchina era parcheggiata nel vialetto davanti alla casa in un giardino privato, in un contesto di assoluta sicurezza e la bambina dormiva. Quello che capita a tutte le famiglie del mondo, magari più fortunate non hanno avuto il vicino di casa zelante che si è preoccupato di chiamare i carabinieri. Questa è l’unica differenza che è capitata a questi signori, poi tutto il resto è stata la conseguenza dello shock, di un trauma, della destabilizzazione che provoca quando un bambino ti viene strappato dalle mani e ti viene permesso di vederlo in uno spazio neutro qualche ora ogni 15 giorni –  ha detto l’avvocato Adriana Buscagli intervenuta oggi a Effetto giorno su ‘Radio 24’, a commento della sentenza – Non abbiamo ancora in mano la sentenza della Cassazione con le motivazioni- prosegue il legale- . Non credo che ci sia mai modo di dire a un genitore ‘rinuncia a tuo figlio’. Sicuramente non lo dirò ai signori De Ambrosis e studierò per vedere che cosa devono fare per avere giustizia. La cosa più semplice, e questo è un dato scontato, è rivolgersi alla Corte di Giustizia europea che già altre volte ha sanzionato lo Stato italiano per avere con troppa superficialità dato in adozione dei bambini. Sul ricorso, assolutamente sì, faremo sicuramente più di qualcosa”.

Foto di archivio