Il vicepreside di una scuola di Foggia è stato aggredito dal genitore di un alunno e ora si trova ricoverato con trauma cranico e addominale. È successo sabato 10 febbraio nell’istituto secondario di I grado “L. Murialdo” della città pugliese: il genitore è entrato nell’edificio al suono della campanella e, confondendosi tra gli studenti, è riuscito ad eludere la vigilanza dei collaboratori scolastici, per poi avventarsi sul vicepreside, il professor Pasquale Diana.

“La motivazione dell’aggressione – si legge in una nota della comunità scolastica – è da ricercarsi in un episodio del giorno precedente. Il vicepreside, nelle sue funzioni di vigilanza e sorveglianza degli alunni all’uscita di scuola, aveva rimproverato l’alunno perché spingeva e rischiava di far cadere le compagne in fila davanti a lui. Per tutelare l’incolumità degli altri ragazzi, l’alunno è stato preso per il braccio e allontanato dalla fila. Da qui la rabbia del genitore che, ascoltando soltanto la versione del proprio figlio, senza chiedere chiarimenti di alcun genere, si è scagliato brutalmente contro il professore”.

“Non è stato richiesto alcun colloquio, né c’è stata possibilità di dialogo con il genitore – continua la nota- il quale, senza chiedere spiegazioni di sorta, come riportato nelle numerose testimonianze depositate in Questura, si è avventato sul professore. A nulla è valso l’intervento dei collaboratori scolastici e dei docenti presenti che, data la rapidità con cui si è mosso il genitore, non sono riusciti ad evitare l’aggressione. Il professore non ha reagito in alcun modo ai numerosi e violenti colpi che gli venivano inferti alla testa e all’addome, fino a quando i presenti non sono riusciti ad allontanare l’aggressore”.

Sul posto sono accorsi la polizia e gli operatori del 118. I medici hanno stabilito una prognosi di 30 giorni per il vicepreside: “A lui e alla sua famiglia va la solidarietà e la vicinanza dell’intera comunità scolastica della Murialdo” conclude la nota. Sulla vicenda è intervenuta anche il ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli, che ha definito quanto accaduto “fatti gravi. La violenza fisica o verbale non è mai tollerabile. E lo è ancor meno quando si verifica all’interno di una scuola”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, vandalizzato il murales dedicato a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino

next
Articolo Successivo

Napoli, rapinatore ucciso – Il gioielliere: “Mi sono visto puntare una pistola contro”

next