Il procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero De Raho è intervenuto sul problema degli impresentabili candidati da diversi partiti alle prossime elezioni politiche del 4 marzo. Lo ha fatto a Reggio Calabria a margine di un incontro su un protocollo sulle misure di prevenzione firmato in Procura generale. “Spetta alla politica effettuare la selezione. – ha affermato De Raho – Laddove nelle liste ci sono soggetti contigui o sospettati di contiguità o di collusione, è evidente che ci proiettiamo in un futuro che già di per sé ha evidenziato come uomini della politica siano stati al servizio delle mafie. La politica deve fare un controllo preventivo dei soggetti eleggibili. Laddove non c’è questo, spetta all’elettorato dare una valutazione. Se l’elettorato si esprime in senso sanzionatorio andiamo verso un futuro migliore, se invece si esprime in senso diverso, è evidente che andiamo verso un futuro non roseo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

G8 Maddalena, condannati per associazione a delinquere Angelo Balducci e Diego Anemone. Assolto Bertolaso

next
Articolo Successivo

Stupri Rimini, i tre minorenni condannati a nove anni e otto mesi in abbreviato. Gli avvocati: “Sono pentiti”

next