L’ultimo smacco ai lavoratori è arrivato ieri, all’alba, con la notizia dell’assunzione di 25 nuovi lavoratori non scelti tra quelli licenziati e in presidio da tre mesi, ed subito è scattata la controffensiva: blocco dei camion in entrata e in uscita dalla fabbrica. La tensione continua a salire a Castelnuovo Rangone, in provincia di Modena, lì dove ha sede la Castelfrigo, azienda di lavorazione della carne. Dopo il licenziamento collettivo del 29 dicembre scorso, i 75 operai che lavoravano per due cooperative, alle quali l’azienda aveva appaltato la logistica, avevano dato avvio a un sit in permanente, notte e giorno, per chiedere il rispetto dei diritti e il reintegro, ma ora “abbiamo deciso di cambiare passo su questa vertenza e di protestare in maniera molto dura” , spiega Marco Bottura della Flai Cgil, perché  “ancora una volta in maniera unilaterale Castelfrigo ha deciso di prendere i lavoratori che vuole, scelti tra quelli che non hanno scioperato, non rispettando l’intesa convenuta lo scorso dicembre con la regione e i sindacati”. Intanto i lavoratori che sorvegliano i cancelli avanti e dietro la fabbrica assicurano:  “Il blocco andrà avanti fino a che non avremo una risposta”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Germania, i metalmeccanici ottengono la settimana di 28 ore su base volontaria e aumenti di stipendio del 4,3%

prev
Articolo Successivo

Su quale ‘lavoro’ è fondata la nostra Repubblica?

next