“Un minuto di raccoglimento a Pollenza, nel punto in cui hanno ritrovato il cadavere di Pamela Mastropietro“. Luca Traini, l’uomo che sabato mattina ha sparato ad alcuni cittadini stranieri a Macerata, ai carabinieri ha raccontato di aver lasciato lì sul posto  un busto di Mussolini prima di farsi arrestare. Il 28enne, che in casa aveva una copia del Mein Kampf, una bandiera con la croce celtica e altre pubblicazioni riconducibili all’estrema destra, ha ricostruito le fasi precedenti il raid razzista: “Ero in auto, volevo andare in palestra, ho acceso la radio e ho sentito per l’ennesima volta la storia di Pamela. Ho sentito un impulso irrefrenabile: sono tornato a casa, ho aperto la cassaforte e ho preso la pistola. Poi sono uscito per colpirli tutti“. In autogrill, dopo aver bevuto un caffè, aveva anche annunciato le sue intenzioni: “Ora vado a fare una strage“.

In caserma, Traini ha ricostruito ogni suo movimento e ogni volta in cui ha impugnato la sua pistola, una Glock detenuta grazie al porto d’armi per uso sportivo, per sparare. “Ho fatto tutto da solo, andava fatto. Dovevo assolutamente farlo, per Pamela e per le altre ragazze rovinate dai neri“, ha infine aggiunto. Nemmeno per un attimo ha dato segno di pentimento, riporta La Stampa.

Intanto, spunta un nuovo particolare, riportato da La Repubblica. Il 20 gennaio scorso, Traini era ad una cena a Corridonia insieme a tutto lo stato maggiore della Lega marchigiana. I vertici locali del Carroccio avevano dichiarato di non vederlo da mesi ma lui, alla cena per la campagna elettorale, era presente e si era fatto notare. “Luca chiacchierava con tutti, sembrava a suo agio con i capi. Era uno che straparlava sugli immigrati ma, nonostante la stazza e il fisico, sembrava innocuo”, ha dichiarato un militante della Lega presente alla cena, a condizione di rimanere anonimo. Dopo il raid, la segretaria provinciale, Marino, era corsa ai ripari dichiarando a Radio Capital che Traini la sede della Lega “l’aveva frequentata per poco tempo, perché poi lui si era avvicinato ad altri movimenti politici“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bruno Peres, schianto in auto a Roma. Lui illeso, auto distrutta

prev
Articolo Successivo

Erdogan a Roma, la protesta dei curdi: “Massacra donne e bambini e nessuno dice nulla”

next