Silvio Berlusconi avrebbe pagato Yasser Arafat affinché testimoniasse in suo favore in tribunale. Lo scrive L’Espresso, pubblicando in esclusiva i diari segreti del leader dell’Olp e poi presidente dell’Autorità nazionale palestinese: 19 volumi scritti in arabo tra il 1985 e il 2004 che “raccontano intese politiche, azioni di guerra e affari che fino adesso erano rimasti oscuri” e che riguardano anche l’Italia, si legge in una nota del settimanale che anticipa il prossimo numero con il titolo “Arafat e i fondi neri di Berlusconi”.

Il diario rivela che “Arafat aiutò Berlusconi quando questi era sotto processo per aver finanziato illecitamente il Partito Socialista di Bettino Craxi. Arafat incontrò segretamente Berlusconi nel 1998, in una capitale europea, e dopo quell’incontro decise di confermare la falsa versione data da Berlusconi ai giudici, cioè che i 10 miliardi di lire al centro del processo erano destinati non al Partito Socialista Italiano bensì all’Olp, come sostegno della causa palestinese. Non era vero, ma Arafat – si legge nella nota – rivela nei diari di aver confermato pubblicamente questa versione ricevendo in cambio un bonifico. Nel diario si trovano annotati i dettagli con i numeri di conto e i trasferimenti del denaro ottenuto da Arafat”.

I volumi riferiscono inoltre della “trattativa tra Arafat e l’Italia avvenuta nel 1985, quando Craxi era primo ministro e Giulio Andreotti ministro degli Esteri, durante la vicenda dell’Achille Lauro, la nave da crociera dirottata da quattro terroristi palestinesi. Arafat rivela che fu Giulio Andreotti (e non Bettino Craxi, come si era sempre creduto) a consentire al terrorista Abu Abbas di scappare in Bulgaria e di lì rifugiarsi in Tunisia”.

I diciannove volumi di cui L’Espresso fornisce gli stralci sono stati affidati a due fiduciari lussemburghesi, che dopo una lunga negoziazione hanno ceduto i documenti a una fondazione francese con la clausola che il contenuto dei diari debba essere usato solo come “documentazione di studio” e non per pubblicare libri o girare film.

La replica dell’entourage del leader di Forza Italia arriva da Nicolò Ghedini: “Il materiale in questione è stato offerto a più persone nei tempi passati e alle richieste di verifica della autenticità della provenienza, della completezza e del contenuto non è stato possibile esperire alcun controllo né avere conferma alcuna – afferma l’avvocato – comunque i fatti ivi narrati per quanto riguarda i rapporti con il Presidente Berlusconi sono assolutamente non fondati e contraddetti dalle stesse dichiarazioni ufficiali più volte rilasciate pubblicamente dallo stesso Arafat e da molte altre persone a conoscenza di quei fatti che non potranno che confermare quanto già affermato”. “Certo – aggiunge in una nota – è davvero sintomatico che tale materiale in circolazione già da tempo e mai ritenuto di reale interesse appaia, guarda caso su L’Espresso, proprio a pochi giorni dalla consultazione elettorale“.