“Sono disponibile per un posto in parlamento, dove chiederò di andare in Commissione Giustizia”. Mario Mantovani, fedelissimo di Silvio Berlusconi ed ex vicegovernatore della Lombardia, ha le idee chiare e non sembra curarsi dei suoi guai giudiziari: è sotto processo a Milano per corruzione, concussione, turbativa d’asta e abuso d’ufficio, è inquisito a Monza per corruzione nell’inchiesta sui rapporti tra politica e ‘ndrangheta ed è indagato, ancora a Milano, in un altro procedimento per peculato e false fatture. Alla cena elettorale della sua corrente – davanti a 600 persone in un ristorante di Buccinasco, cittadina dell’hinterland milanese tristemente nota come ‘la Platì del Nord’ – Mantovani si auto-incensa: “In Regione (dove fu assessore alla Salute fino all’arresto dell’ottobre 2015, ndr) mi sono permesso di offrirvi tre anni di buona sanità”. Poi parla della candidature: “Siamo pronti per un nuovo ciclo”. Obiettivo: portare a Roma tre parlamentari, tra cui se stesso; portare al Pirellone due consiglieri regionali. Il nome del suo comitato elettorale è già un programma: “Amici di Mario Mantovani per la vittoria”. Sulla sua candidatura, osteggiata dai vertici di Forza Italia, deciderà Berlusconi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bologna, fuori Lo Giudice dentro Casini. La comunità Lgbt critica il Pd: “Scelta suicida. Cancellano 5 anni di battaglie”

next
Articolo Successivo

AAA Posto cercasi (nelle liste elettorali)

next