La Commissione europea ha aperto una procedura d’infrazione nei confronti dell’Italia per “l’aggiudicazione diretta a fornitori nazionali” di alcuni appalti pubblici per la Difesa. In particolare, nel mirino dell’Ue è finita la fornitura di sei pattugliatori polivalenti d’altura. Il nostro Paese non avrebbe applicato correttamente le norme dell’Unione in materia di appalti pubblici nei mercati della difesa e della sicurezza. Questa procedura riguarda anche Danimarca, Olanda, Portogallo e Polonia.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Populisti, il paradosso per cui una volta al governo approdano su posizioni “moderate”. A beneficio dell’opposizione

prev
Articolo Successivo

Sede Ema ad Amsterdam, edificio finale non sarà pronto in tempo. Governo pensa a ricorso per Milano

next