La Commissione europea ha aperto una procedura d’infrazione nei confronti dell’Italia per “l’aggiudicazione diretta a fornitori nazionali” di alcuni appalti pubblici per la Difesa. In particolare, nel mirino dell’Ue è finita la fornitura di sei pattugliatori polivalenti d’altura. Il nostro Paese non avrebbe applicato correttamente le norme dell’Unione in materia di appalti pubblici nei mercati della difesa e della sicurezza. Questa procedura riguarda anche Danimarca, Olanda, Portogallo e Polonia.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Sede Ema ad Amsterdam, edificio finale non sarà pronto in tempo. Governo pensa a ricorso per Milano

next