Cinquecento persone hanno partecipato alla fiaccolata per Giulio Regeni oggi a Roma, davanti a Montecitorio. Due anni fa, alle 19.41, il ricercatore italiano mandava il suo ultimo messaggio e contatto dal Cairo: il suo cadavere verrà ritrovato nove giorni dopo.

“La cosa bella, pur in un clima di tristezza, è che c’è tanta mobilitazione, più dell’anno scorso: gli italiani non si rassegnano a non sapere. Giulio poteva essere il nostro figlio migliore”, dice la presidente della Camera Laura Boldrini. “Non ci fermeremo finché non avremo verità e giustizia per Giulio”, dice Riccardo Noury, portavoce di Amnesty Italia.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Verità per Giulio Regeni”, l’accensione delle fiaccole di Amnesty davanti a Montecitorio

next
Articolo Successivo

Baby gang: il governo invia l’esercito, noi rispondiamo coi giocattoli

next