“L’Italia è l’assoluto fanalino di coda dell’eurozona, messo anche peggio della Grecia“. Lo sostiene il quotidiano neoliberale tedesco Die Welt in un articolo  intitolato Se i greci lasciano indietro gli italiani pubblicato il 25 gennaio. Secondo il quale il timore degli economisti delle banche d’affari è che alle prossime elezioni, indipendentemente da chi vinca, “non c’è da aspettarsi riforme di base”, dice Timo Schwietering, analista della banca Metzler. “Solo riforme radicali, come in Grecia, potrebbero cambiare qualcosa”, dice il quotidiano di Berlino. “Ma cose del genere non sono nel programma elettorale di nessuno dei contendenti alle elezioni”.

“L’Italia è l’unico paese dell’Eurozona il cui livello di vita, dall’entrata in vigore dell’unione monetaria, è diminuito”, prosegue Schwietering. “Prima aveva un modello economico facile”, dice Daniel Hartmann, capo economista della banca Bantleon, che si occupa del risparmio gestito. Secondo il quale “quando la congiuntura si bloccava, si svalutava la lira, che ridava benzina alle esportazioni e rianimava la congiuntura”. Dall’entrata in vigore dell’unione monetaria questo modello non ha più funzionato e il Paese dovrebbe abbassare i costi o aumentare la produttività, è quindi la conclusione che sottolinea come “il passaggio al nuovo campo all’Italia non è ancora riuscito”. Mentre sarebbe necessaria soprattutto una riforma dell’amministrazione: “Le prestazioni sono scarse e per giunta care”. Un permesso di costruzione costa tre volte la Germania, un procedimento giuridico in Italia è di 3 anni, in Germania di uno e mezzo…

Quanto ai protagonisti del mancato cambiamento, in estrema sintesi secondo Die Welt l’unico che avrebbe provato a fare qualcosa sarebbe stato l’esecutivo di Matteo Renzi che è però uscito di scena dopo la debacle referendaria di fine 2016. Il governo Gentiloni, invece, è bollato come una sorta di papocchio di coalizione di larghissime intese tra centrosinistra e centrodestra. Prima delle elezioni, quindi, la situazione è decisamente poco chiara e la nuova legge elettorale non aiuta certo a delineare i possibili scenari. L’unica cosa che si può prevedere, secondo il quotidiano, è che i 5 Stelle rischiano di essere il candidato più forte delle elezioni e che Silvio Berlusconi è tornato.