Quello di Cortina D’Ampezzo, dopo essere stato “adottato” da Audi per tenere a battesimo il suo primo sport utility completamente elettrico E-Tron (che debutterà il prossimo ottobre) e più in generale come partner, sarà uno dei primi comuni ad avere colonnine di ricarica pubbliche per auto a batteria, installate direttamente su suolo comunale. L’operazione è stata possibile grazie all’intesa tra la casa dei Quattro Anelli e l’Enel, che oltre all’installazione dei suddetti punti di ricarica si occuperà anche del potenziamento della rete lungo tutte le principali arterie italiane: “il nostro piano prevede di installare 14 mila colonnine entro il 2022, di cui le prime 2.500 già quest’anno, su suolo nazionale”, ha dichiarato il responsabile di Enel X Francesco Venturini. Musica per le orecchie di Fabrizio Longo, direttore generale di Audi, che ha ricordato come la casa di Ingolstadt preveda il “debutto di ben 20 modelli a batteria nei prossimi sette anni“. Il sodalizio Audi-Enel, nondimeno, si pone un obiettivo ambizioso: l’elettrificazione della mobilità urbana di Cortina in vista dei Campionati Mondiali di Sci Alpino che si terranno nel 2021.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

California, arrivano le targhe digitali su 100 mila veicoli

next
Articolo Successivo

Fomm Concept One, la semi-anfibia elettrica giapponese anti-tsunami – FOTO

next