Hanno maltrattato diciassette bambini, di età compresa tra i cinque mesi e i tre anni, insultando con frasi volgari e prendendoli a schiaffi. Con questa accusa i fratelli Silvia ed Eligio Scalas, gestori di un asilo nido, risultato anche abusivo, sono stati condannati a cinque anni di reclusione dal gup di Roma. I due ospitavano i piccoli in una struttura nella zona del Pigneto sprovvista di qualsiasi autorizzazione. Per gli imputati, che hanno scelto il rito abbreviato, il pm aveva sollecitato una condanna a sei anni di reclusione per maltrattamenti e percosse ai danni di minori. Il gup Angela Gerardi ha disposto anche un risarcimento di 10mila euro in favore di ogni bambino maltrattato.

Le indagini, effettuate anche con intercettazioni e riprese video all’interno della struttura, erano partite dalla denuncia dei genitori di una bambina di due anni: la mamma e il papà si erano resi conto che qualcosa non andava perché la figlia aveva un comportamento strano. Quelle che le telecamere installate dagli investigatori hanno portato alla luce è un mondo di violenze e vessazioni, fisiche e psicologiche, a cui i piccoli ospiti erano sottoposti quotidianamente. I bambini venivano presi di mira con espressioni volgari, addirittura con epiteti a sfondo razzista e sessuale, malmenati e lasciati sul tappetino dei cani. I due condannati erano stati arrestati e portati in carcere nel giugno scorso. In questo momento si trovano agli arresti domiciliari.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Divorzio Berlusconi Lario, ricorso contro la revoca dell’assegno: “Sentenza ingiusta”

next
Articolo Successivo

Aggressioni con acido, la Cassazione: “Alexander Boettcher ideatore aggressione a Barbini”

next