Alexander Boettcher – che con la ex compagna Martina Levato ha commesso a Milano le aggressioni all’acido sfigurando le vittime – è stato “ideatore” e “compartecipe”, e non semplice “spalla”, dell’agguato a Pietro Barbini, anche se il lancio materiale del liquido corrosivo lo ha compiuto la Levato. Lo sottolinea la Cassazione nelle motivazioni depositate oggi del verdetto che lo scorso 21 dicembre ha confermato la condanna a 14 anni di reclusione per Boettcher in relazione all’agguato a Barbini.

“È un dato oggettivo che Boettcher dopo l’aggressione con l’acido inseguì Barbini con un martello per portare a termine l’azione delittuosa e impedire che potesse riconoscerli”, aveva detto il Procuratore Generale della Cassazione nella sua requisitoria. Il pg aveva anche definito corretta l’individuazione del movente della “purificazione” della Levato e aveva ricordato che a carico di questi vi sia il sequestro in casa sua di sostanza corrosive. Oltre alle dichiarazioni di Andrea Magnani, a sua volta condannato in appello a 9 anni come ‘basista‘ della coppia dell’acido.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, “schiaffi e insulti” in un asilo nido abusivo: condannati a 5 anni i due gestori

next
Articolo Successivo

Dj Fabo, la pm Tiziana Siciliano: “Assolvete Cappato. Rappresento lo Stato, quindi anche l’imputato”

next